Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Orge in canonica con donne sposate e preti: parroco verso la sospensione

Sergio Casagrande
  • a
  • a
  • a

Il vescovo di Padova, Claudio Cipolla, ha aperto una procedura per la sospensione a divinis del parroco di San Lazzaro, don Andrea Contin, accusato di aver organizzato orge in canonica. Ne dà notizia il 2 febbraio 2017 TgCom24 che riporta anche una dichiarazione del monsignore. "Sono incredulo e sofferente - ha detto Cipolla - ma sto agendo perché anche se alla fine di questa vicenda non ci fosse rilevanza penale, canonicamente siamo in dovere di prendere provvedimenti disciplinari. Questi fatti rendono don Contin non idoneo ad esercitare la sua missione". Nei giorni scorsi il vescovo era intervenuto con una lettera alle comunità della Diocesi di Padova criticando la visibilità che i media hanno dato al caso: "Mentre i nostri giornali si gloriano di aver bucato lo schermo a livello internazionale - aveva affermato -, io mi vergogno (non solo come uomo di Chiesa) perché abbiamo guadagnato solamente la commiserazione di molti, l'ironia e la beffa di molti altri. Non tutti stanno capendo che è una ferita dolorosa per la nostra Chiesa e per la nostra società padovana". La vicenda è venuta alla luce dalle dichiarazioni di una delle tre presunte amanti del parroco. Vedrebbe coinvolti anche altri tre preti che avrebbero frequentato la canonica alla periferia della città di Padova con lo scopo di avere incontri sessuali. Addirittura uno di questi ultimi avrebbe filmato le orge, come avrebbe fatto anche don Contin in altre situazioni. Secondo il Gazzettino una delle donne coinvolte nella vicenda sarebbe cinquantunenne parrocchiana, sposata, che ha ammesso di avere avuto una relazione con il sacerdote. Soltanto di recente la donna avrebbe troncato ogni rapporto. Cioè da quando don Andrea l'avrebbe esortata ad avere rapporti sessuali con altri uomini in sua presenza.