Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Saviano: "De Magistris verrà pugnalato dai suoi lacchè"

Riccardo Regi
  • a
  • a
  • a

"Quel che è certo, sindaco De Magistris, è che quando le mistificazioni della sua amministrazione verranno al pettine, a pugnalarla saranno i tanti lacchè, più o meno pagati, dei quali si circonda per edulcorare la realtà, unico modo per evitare di affrontarla". Roberto Saviano risponde in un lungo post su Facebook all'attacco del sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che lo ha accusato di speculare e ingigantire i problemi della città per fare soldi. "E' un populista, definizione politica nella quale credo che tutto sommato si riconosca", replica lo scrittore: "Napoli 4 gennaio 2017: due sparatorie in pieno centro e una bambina di 10 anni ferita in un luogo affollatissimo della città. Ma il sindaco è infastidito dalla realtà, a lui non interessa la realtà, a lui interessa l'idea, quell'idea falsa di una città in rinascita: problema non sono le vittime innocenti del fuoco della Camorra, problema è che poi Saviano ne parlerà". "Il contesto nel quale nascono e crescono le organizzazioni criminali - sottolinea Saviano -, fatto di assenza delle regole e lassismo, da quando lui è sindaco non solo non è mutato, ma ha preso una piega addirittura più grottesca ora la camorra in città è minorenne e il disagio si è esteso alle fasce anagraficamente più deboli. Ma di tutto ciò lui non ama parlare e detesta che lo facciano altri: pare che la città sia ridotta al salotto di casa sua, a polvere da nascondere sotto al divano. Il sindaco è del Vomero, gli piacciono le cose ordinate, pulite".