Le notizie in... differenti

Le battute maldestre della media politica

30.03.2017 - 11:52

0

Chi si occupa di politica deve misurare bene le parole, ma anche chi ascolta deve capire bene. Terreno minato e dunque su cui muoversi con grande attenzione, come dimostrano le polemiche di questi giorni. In testa a tutte, quelle che hanno coinvolto Jeroen Dijsselbloem, presidente dell'Eurogruppo, accusato di avere sostenuto che i paesi del Sud sperperano denaro in donne e alcol, e invitato a lasciare il posto per aver offeso in modo vergognoso un pezzo d'Europa.
E invece? Invece, il presidente aveva fatto sì l'esempio, ma l'aveva riferito a se stesso: "ho detto che non posso aspettarmi che se spendo i miei soldi in modo sbagliato, posso poi chiedere aiuti finanziari". Ha aggiunto di non avere intenzione di dimettersi e si è dispiaciuto se qualcuno si fosse sentito offeso, ricordando che la colpa, se così si può chiamare, è della "rigida cultura olandese, calvinista", immediata e senza giri di parole.
Ora, potremmo prendere il riferimento e fare un distinguo tra la cultura olandese, morigerata e rigoristica, e quella cattolica - ahi, i paesi del meridione del continente - sempre portati a lasciarsi andare e semmai a confessarsi per liberarsi dei peccati. Ed è probabile che nel riportare le parole di Dijsselbloem abbia agito un retropensiero che ha fatto sì che qualcuno si sentisse direttamente investito dal paragone del Presidente e, con un rovesciamento interessante dal punto di vista analitico, lo abbia riferito a se stesso. Non a caso le proteste sono arrivate tutte dal Sud, dall'Italia in particolare, come se quella frase fosse diventata immediatamente un rilievo mirato sulle nostre abitudini. Ci siamo subiti sentiti tirati in ballo, abbiamo sentito parlare di "donne e alcol" contrapposti a un modello di vita regolato e parsimonioso, e invece di fare mea culpa o quanto meno un esame di coscienza, siamo partiti lancia in resta, aggredendo il malcapitato fustigatore dei nostri costumi.
Inaccettabile, insopportabile, quest'olandese ce l'ha con gli italiani brava gente e si permette di sputtanarli senza un briciolo di educazione, se ne vada, via, sparisca dalla circolazione.
Peccato per il riflesso condizionato di chi si sente chiamato in causa e, dunque, rivela quella che nella cultura contadina si chiama "coda infarinata", la coda del gatto che, nonostante i tentativi di nascondersi, denuncia le sue malefatte. E peccato per l'ardore con cui le reprimende sono state urlate. Almeno proporzionale alla rivendicazione che la contestazione comporta di un galateo di vita che dovrebbe essere costumato e irreprensibile.
Ieri, il ministro Poletti ne ha fatta un'altra. Dopo la battuta sui ragazzi che vanno all'estero, "alcuni è meglio non averli tra i piedi", adesso le cronache e gli avversari hanno preso al volo una dichiarazione secondo cui "meglio giocare a calcetto che inviare curricula". Anche qui, se si va a vedere il contesto del discorso, la frase acquista un senso che la ricolloca in un ragionamento sulla fiducia da conquistare e sulla necessità di uscire all'aperto e rischiare. Solo che la media-politica non perdona. Inutile chiederle di essere prudente, di ascoltare con attenzione, di leggere e rileggere, no, non ha tempo e si alimenta di un gioco perverso di battute - a volte certamente maldestre, ancor più in caso di recidiva - che diventano slogan da rovesciare su chi le ha pronunciate, esposto al ludibrio universale.
Il problema è che i politici ormai parlano come se dovessero fare loro i titoli dei giornali e che i giornali li trattano come battutari con cui sparare un titolo. E' un circolo vizioso a cui a rimetterci è il discorso, la qualità del discorso e del rapporto che si stabilisce tra chi parla (urla) e chi (non) ascolta.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Coronavirus, Fedez contro Codacons: "Cliccate il suo banner per capire dove finiscono i soldi che chiede"
Coronavirus

Fedez contro Codacons: "Cliccate il suo banner per capire dove finiscono i soldi che chiede"

"Codacons sta spacciando sul sito una campagna di raccolta fondi apparentemente “contro il Coronavirus” quando basta cliccare sul banner per scoprire che le donazioni servono a sostenere solo loro stessi. Ma è possibile che nessuno intervenga?". E' durissimo l'attacco sui social di Fedez all'associazione dei consumatori, ennesima battaglia di una guerra che va avanti da quando il Codacons ha ...

 
Coronavirus, l'Inno di Mameli degli alunni della High School Orchestra del liceo musicale Angeloni di Terni
CORONAVIRUS

Inno di Mameli con dedica speciale degli allievi della High School Orchestra

Coronavirus, chiusi in casa per rispettare le restrizioni contro il diffondersi della pandemia, allievi ed ex allievi del liceo musicale Angeloni di Terni, che hanno dato vita alla High School Orchestra, si sono organizzati, a distanza, e senza che nessuno tra i loro docenti sapesse nulla, hanno realizzato questo suggestivo video nel quale interpretano l'Inno di Mameli. Particolarmente toccante ...

 
I medici dell'ospedale di Liverpool cantano "You'll never walk alone" per chi lotta contro il Covid 19
pandemia

Coronavirus, medici  di Liverpool cantano "You'll never walk alone" per chi lotta contro il Covid 19

E' impossibile non commuoversi, nei giorni del Coronavirus, guardando il video di ciò che ha fatto il personale dell'ospedale di Liverpool per stare vicino ai malati che combattono contro il Covid 19. Un gruppo di medici, infermieri e addetti all'emergenza si è avvicinato alla porta che separa il reparto di malattie infettive dal resto della struttura e ha intonato la canzone in cui si ...

 
Gli applausi per i medici dai balconi di Manhattan

Gli applausi per i medici dai balconi di Manhattan

(Agenzia Vista) New York, 29 marzo 2020 Gli applausi per i medici dai balconi di Manhattan L'emergenza Coronavirus negli Stati Uniti. New York è totalmente deserta. / fonte twitter Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Ascolti tv, Bonolis su Canale 5 vince su Fiorello (Rai 1) nella sfida di sabato 28 marzo 2020 in prima serata

Televisione

Ascolti tv, Bonolis su Canale 5 vince su Fiorello (Rai 1) nella sfida di sabato 28 marzo 2020 in prima serata

E' nata ed è stata impostata come sfida degli ascolti nella prima serata tv del sabato sera ai tempi del Coronavirus. E' quella fra Paolo Bonolis in onda su Canale 5 e ...

29.03.2020

Clizia Incorvaia e l'amore con Paolo Ciavarro, la rivelazione: "Cosa abbiamo fatto al Grande Fratello Vip 4"

L'intervista

Clizia Incorvaia e l'amore con Paolo Ciavarro, la rivelazione: "Cosa abbiamo fatto al Grande Fratello Vip 4"

L'amore è sbocciato nella Casa del Grande Fratello Vip 4. E continua a distanza. E' quello fra Clizia Incorvaia e Paolo Ciavarro.  "Sì, sono innamorata. Vedo anche lui ...

29.03.2020

Pirati dei Caraibi, la saga torna in tv. La decisione Mediaset: i film su Canale 5 e si comincia subito

Televisione

Pirati dei Caraibi, la saga torna in tv. La decisione Mediaset: i film su Canale 5 e si comincia subito

Film e ancora film per gli italiani a casa per l'emergenza Coronavirus e si allarga l'offerta Mediaset sul piccolo schermo. Canale 5 ripete infatti la fortunata saga dei ...

29.03.2020