I 90 anni di Camilleri

I 90 anni di Camilleri

09.09.2015 - 13:01

0

Non capita tutti i giorni di vedere tanta gente che applaude uno scrittore. D'accordo ci sono i festival della letteratura, le letture pubbliche, le presentazioni dei libri, ma quello che è accaduto per Andrea Camilleri è inconsueto. Tanti che si riuniscono sotto la sua casa romana per festeggiare i suoi novanta anni, tanti che applaudono, cantano in coro gli auguri e lo ringraziano. Già, lo ringraziano. E’ bello sentire qualcuno che ringrazia uno scrittore, vuol dire che si è stabilito un contatto profondo che va ben oltre la presunta finzione di una storia. Vuol dire che in una pagina scritta si sono toccate emozioni e sentimenti che arricchiscono la vita, la fanno uscire dalla superficialità quotidiana e la mettono sulla strada - possibile, incerta, ambigua? non conta - di un senso. Accade in un paese dove non sono tantissimi a leggere e dove, come hanno sottolineato critici e storici illustri, la frattura fra scrittori e popolo è sempre stata profonda. Per tanti motivi, per la chiusura spesso elitaria della cultura e quindi per la mancanza di una tradizione popolare che potesse innervare e sostenere una industria culturale e, poi, per una contrapposizione ideologica e pregiudiziale tra mercato e cultura. Purezza, da un lato, e compromesso, se non peggio, dall'altro. Ora, non è che un applauso risolve tutto, però rappresenta un segno che incoraggia e fa piacere. Camilleri ha compiuto novant'anni e ha una lunga storia alle spalle. Regista di teatro e scrittore da sempre, è entrato nella Rai negli anni Cinquanta, inizialmente osteggiato, lo racconta lui, perché comunista. Ha curato per la televisione del monopolio e ispirata a un pedagogico e controllato modello di servizio pubblico tante commedie, a cominciare da quelle di Eduardo, e delle serie gialle che sono entrate nella memoria collettiva, il Tenente Sheridan di Casacci e Ciambricco con Ubaldo Lay, le inchieste del commissario Maigret di Gino Cervi, Le avventure di Laura Storm con Lauretta Masiero.. Era una televisione, al di là di Camilleri e anche di alcune contraddizioni, che sapeva mantenere un alto livello di qualità e che, sia pure in un regime di monopolio, aveva la capacità di rivolgersi al pubblico più largo. Camilleri ha sempre scritto, racconti, storie, poesie. I suoi libri vengono scoperti tardi da Elvira Sellerio, ma è subito successo, uno straordinario successo che ha il nome del commissario Salvo Montalbano. Un personaggio che da subito entra nell'anima profonda dei lettori, rigoroso e coerente, testardo, a volte scontroso, e insofferente dei piccoli e grandi poteri con cui si deve confrontare, oltre che con il male del mondo e la criminalità organizzata. Uno che rimane se stesso, che parli con un delinquente o con il questore, uno che resiste e non si arrende, ironico e disincantato quanto basta per sapere che la vita forse non lo porterà da nessuna parte, ma che intanto va vissuta con un senso del dovere e insieme nella ricchezza con cui si offre. Le storie di Montalbano filano come un congegno a orologeria, Camilleri sa costruire trame che catturano il lettore, tutte raccolte intorno al suo commissario. Disegna una geografia con al centro Vigata che in controluce racconta della sua Sicilia e inventa una lingua, uno strano miscuglio tra siculo e italiano, che all'inizio può sembrare arduo e poi entra nella testa e non ti lascia più. Montalbano sbanca nelle librerie e arriva in televisione e il cerchio di Camilleri si chiude. Con la faccia e il corpo di Luca Zingaretti diventa uno dei personaggi più amati della cosiddetta fiction. Da venti anni ci accompagna e non ci sono segni di stanchezza, ogni volta viene a rinnovare un patto con il pubblico, che è anche quello di uno scrittore che nel commissario ha trasfuso i suoi valori, un modo di sentire la vita e di comportarsi con gli altri. Venti anni e, con quella che arriverà, dieci serie a dimostrare che si può fare un racconto non banale, denso e articolato, e raccogliere milioni e milioni di spettatori. A volte ci domandiamo di cosa sia quella chimera della Qualità televisiva, bene, Montalbano ne è una duratura certificazione.E, a pensarci bene, non è solo questione della Qualità televisiva. Camilleri è un dono prezioso, un motivo di orgoglio per tutti, qualcuno in cui riconoscersi, in un tempo in cui per tanti motivi rischiamo di rinchiuderci e di isolarci. Montalbano fa il suo mestiere, senza eroismi, lo fa un giorno dopo l'altro e non molla, anche se ogni tanto ne avrebbe le palle piene. Non molla e arriva fino in fiondo, pronto a ricominciare. E' fiction, certo, ma non è finzione. Nascosto da qualche parte, sono sicuro che anche lui si sarà infilato fra la gente che applaudiva il suo autore. E avrà partecipato, sorridendo fra sé e sé, con la discrezione che gli è propria, alla festa di Andrea Camilleri.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Coronavirus, Fedez contro Codacons: "Cliccate il suo banner per capire dove finiscono i soldi che chiede"
Coronavirus

Fedez contro Codacons: "Cliccate il suo banner per capire dove finiscono i soldi che chiede"

"Codacons sta spacciando sul sito una campagna di raccolta fondi apparentemente “contro il Coronavirus” quando basta cliccare sul banner per scoprire che le donazioni servono a sostenere solo loro stessi. Ma è possibile che nessuno intervenga?". E' durissimo l'attacco sui social di Fedez all'associazione dei consumatori, ennesima battaglia di una guerra che va avanti da quando il Codacons ha ...

 
Coronavirus, l'Inno di Mameli degli alunni della High School Orchestra del liceo musicale Angeloni di Terni
CORONAVIRUS

Inno di Mameli con dedica speciale degli allievi della High School Orchestra

Coronavirus, chiusi in casa per rispettare le restrizioni contro il diffondersi della pandemia, allievi ed ex allievi del liceo musicale Angeloni di Terni, che hanno dato vita alla High School Orchestra, si sono organizzati, a distanza, e senza che nessuno tra i loro docenti sapesse nulla, hanno realizzato questo suggestivo video nel quale interpretano l'Inno di Mameli. Particolarmente toccante ...

 
I medici dell'ospedale di Liverpool cantano "You'll never walk alone" per chi lotta contro il Covid 19
pandemia

Coronavirus, medici  di Liverpool cantano "You'll never walk alone" per chi lotta contro il Covid 19

E' impossibile non commuoversi, nei giorni del Coronavirus, guardando il video di ciò che ha fatto il personale dell'ospedale di Liverpool per stare vicino ai malati che combattono contro il Covid 19. Un gruppo di medici, infermieri e addetti all'emergenza si è avvicinato alla porta che separa il reparto di malattie infettive dal resto della struttura e ha intonato la canzone in cui si ...

 
Ascolti tv, Bonolis su Canale 5 vince su Fiorello (Rai 1) nella sfida di sabato 28 marzo 2020 in prima serata

Televisione

Ascolti tv, Bonolis su Canale 5 vince su Fiorello (Rai 1) nella sfida di sabato 28 marzo 2020 in prima serata

E' nata ed è stata impostata come sfida degli ascolti nella prima serata tv del sabato sera ai tempi del Coronavirus. E' quella fra Paolo Bonolis in onda su Canale 5 e ...

29.03.2020

Clizia Incorvaia e l'amore con Paolo Ciavarro, la rivelazione: "Cosa abbiamo fatto al Grande Fratello Vip 4"

L'intervista

Clizia Incorvaia e l'amore con Paolo Ciavarro, la rivelazione: "Cosa abbiamo fatto al Grande Fratello Vip 4"

L'amore è sbocciato nella Casa del Grande Fratello Vip 4. E continua a distanza. E' quello fra Clizia Incorvaia e Paolo Ciavarro.  "Sì, sono innamorata. Vedo anche lui ...

29.03.2020

Pirati dei Caraibi, la saga torna in tv. La decisione Mediaset: i film su Canale 5 e si comincia subito

Televisione

Pirati dei Caraibi, la saga torna in tv. La decisione Mediaset: i film su Canale 5 e si comincia subito

Film e ancora film per gli italiani a casa per l'emergenza Coronavirus e si allarga l'offerta Mediaset sul piccolo schermo. Canale 5 ripete infatti la fortunata saga dei ...

29.03.2020