Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Dacia Sandero: arriva la Streetway ed è più conveniente

Massimo Germinario
  • a
  • a
  • a

Dacia rilancia la Sandero con una rimodulazione dell'offerta che da oggi agli allestimenti Stepway - contraddistinti da un look più dinamico, da crossover - affianca le Streetway, con un prezzo di attacco fra i più interessanti sul mercato, appena 7.450 euro per la versione Access. Per il modello, che con il 46 per cento  delle vendite in Italia è uno dei due pilastri della propria gamma (l'altro è il Suv Duster), la Streetway è una gamma nella gamma che guarda chiaramente a un pubblico diverso, quello «che fino a ieri si orientava verso i veicoli usati» sottolinea il nuovo direttore generale di Renault Italia Xavier Martinet. Il tutto, però, senza rinunciare, a partire dalla versione Comfort, a contenuti interessanti, come i sensori di parcheggio standard e la radio Dacia Plug&Play mentre retrocamera e il navigatore con schermo Touch sono disponibili in opzione. In pratica, rispetto al listino precedente, la Streetway propone un vantaggio di 500 euro a parità di contenuti e soprattutto con una qualità percepita inimmaginabile per Dacia anche solo pochi anni fa. Sul fronte motorizzazioni, tutte a trasmissione manuale, la Streetway è disponibile con il benzina 1.000 S Ce da 75 Cv, il diesel 1.500 Blue dCi da 75 Cv e il turbo GPL 0.900 T Ce da 90 Cv, una versione quest'ultima dal successo crescente, sia per le prestazioni che per la sua 'patente ecologica', viste le agevolazioni di cui gode in ambito urbano. Anche nella versione Streetway si confermano le qualità di abitabilità, anche per cinque persone, con un bagagliaio che offre fino a 1.200 litri di carico. Grazie a questa proposta - che declina in una sorta di versione 2.0 il concetto di low cost che è stato alla base del successo di Dacia - il marchio punta a confermare i risultati di questo 2018, in cui (grazie anche alle vendite legate al nuovo ciclo di omologazione WLTP) ad agosto ha oltrepassato per la prima volta la soglia del 3 per cento di share sul nostro mercato. Massimo Germinario