Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Peugeot 3008 GTLine: in viaggio senza stress

Peugeot 3008 GT Line

Sergio Casagrande
  • a
  • a
  • a

Se state valutando di acquistare un suv-crossover c'è una vettura che non potete assolutamente non prendere in considerazione prima di assumere una decisione. E' la Peugeot 3008 che nel panorama odierno del suo affollato segmento di riferimento (il più amato dagli italiani e dagli europei) costituisce senza alcun dubbio una delle proposte più interessanti per il suo gran numero di qualità. Qualità che, se messe sul piatto della bilancia, le permettono di competere a testa alta perfino con le rivali dei marchi più rinomati e blasonati. L'ennesima conferma l'abbiamo avuta mettendola alla prova nella versione con motore turbodiesel BlueHDi 2.000 cc, 110 kW (150 Cv) in allestimento GTLine. Già solo scorrendo la lista delle dotazioni di serie si capisce che stiamo parlando di un alto di gamma: sistema di controllo delle distanze dai veicoli che precedono; controllo elettronico degli angoli ciechi; climatizzatore bi-zona; cruise; illuminazione led ambient; i-Cockpit con quadro strumenti digitali; controllo ingombri con telecamere a 360°; sistema di parcheggio automatico; keyless; fari full led; sistema multimediale integrabile con sistema Carplay e con schermo touch a 8 pollici; navigatore 3D. E, a richiesta, anche tetto panoramico; sedili con massaggio; grip controll; radio Dab e ricarica wireless del telefonino. Ma è guidandola che si resta piacevolmente affascinati, perché con tanta ricchezza di dotazioni e con l'altrettanto abbondante spazio interno è un viaggiare da prima classe. Il comfort, sia di guida che di viaggio, è a livelli davvero alti. E se si aggiunge il sistema di massaggi di cui possono essere dotati i sedili anteriori il relax può aumentare a livelli esponenziali: si possono, infatti, scegliere vari tipi di massaggio e si possono perfino creare delle personalizzazioni di “ambienti tipo” che fissano contemporaneamente una serie di parametri e di funzioni della vettura nell'abitacolo, compresi gli odori di un gradevole sistema di profumazione. Il propulsore - che nella versione da noi provata era abbinato a un cambio 6 marce manuale - è generoso, brillante e relativamente risparmioso nei consumi (medie dichiarate dalla casa in città di 5,4 litri per 100 Km; 4,3 nell'extraurbano; 4,7 nel combinato). Ha la possibilità di essere utilizzato anche in modalità sportiva (c'è un selettore vicino al cambio) e sul quadro comando appaiono le marce consigliate. Buono il sistema delle sospensioni e buona la tenuta di strada. L'Advanced Grip Controll, comandabile con una manopola posta nel tunnel centrale, permette di selezionare le migliori risposte della trazione (normale, neve, fango, sabbia e senza Esp) simulando il comportamento di una 4 ruote motrici. Disponibile perfino un efficiente Hill Assist Descent Control (Hadc), assistente elettronico per le discese più ardue, che permette di controllare perfettamente e in tutta sicurezza il veicolo e la sua traiettoria in presenza di forti pendenze. Il sistema - spiega Peugeot - è innovativo perché può mantenere la 3008 a bassissima velocità (3 km/h), apportando controllo e sicurezza in situazioni che generalmente suscitano ansia a molti automobilisti. Anche questa funzione si può attivare mediante un apposito pulsante ubicato sulla consolle centrale Le manovre, poi, con il sistema di telecamere a 360° non sono mai impegnative. E, qualora si temesse il rischio di una manovra complicata, c'è l'efficiente sistema automatico di parcheggio. La presenza del tetto panoramico (apribile e oscurabile con una tendina a comando elettrico) rende l'ambiente ancor più piacevole, soprattutto per i passeggeri della fila posteriore che possono godere di un effetto scenografico maggiore. Grande e particolarmente capiente, se rapportato alle dimensioni del veicolo (4,44 metri di lunghezza e 1,84 di larghezza), anche il vano bagagli dotato di comando automatizzato e ad attivazione gesticolare supplementare sottoscocca. Di certo, quindi, un suv-crossover davvero competitivo e all'avanguardia. Realizzato, inoltre, con elevata cura dei particolari e delle finiture a conferma che Peugeot è uno dei marchi che continuano ad avanzare sul fronte della qualità delle proprie offerte. Difetti: sinceramente ci siamo sforzati a cercarli, ma dalla nostra prova non ne sono emersi di rilievo, a parte le dimensioni del lunotto posteriore che, piuttosto contenute per vincoli di design, in assenza dell'ausilio delle telecamere, possono rendere difficoltose le retro. Da segnalare, infine, che l'offerta, sia di motorizzazioni che di articolazioni con gli allestimenti, è ampia e può accontentare tutte le esigenze. Sergio Casagrande Twitter:@essecia