Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Primo incidente mortale dell'auto che si guida da sola

Sergio Casagrande
  • a
  • a
  • a

È stata aperta un'indagine sul primo incidente mortale che ha coinvolto un'auto Tesla Model S che stava utilizzando il sistema Autopilot di conducente automatico. Lo schianto, secondo quanto riferiscono le autorità della Florida, è avvenuto lo scorso 7 maggio, quando il 40enne Joshua Brown viaggiava sull'auto nei pressi di Williston su una strada non trafficata. Un episodio che non potrà che causare polemiche e dibattito sul sistema e la sicurezza. L'Nhtsa (l'ente Usa che si occupa della sicurezza nazionale del traffico autostradale) ha aperto un'indagine preliminare per un controllo sui 25mila veicoli Model S dotate dell'Autopilot. Si tratta del primo passo per emanare un eventale ordine di richiamo in caso emergesse che i veicoli non sono sicuri. L'incidente, spiega l'ente, «richiede un esame della progettazione e delle performance di ogni aiuto alla guida in uso al momento dello schianto». Intanto, dopo questo fatto, il Codacons chiede di vietare in Italia i test e la circolazione di tali autovetture senza conducente, almeno fino a che non sarà garantita con assoluta certezza la sicurezza dei nuovi sistemi di guida intelligenti. «Non siamo certo contro il progresso e non ci opponiamo alle nuove tecnologie quando queste facilitano la vita dei cittadini, ma in questo caso le incognite sono ancora troppe e i pericoli per la sicurezza degli utenti esistono e sono tangibili, come ha dimostrato l'incidente mortale avvenuto negli Stati Uniti», spiega il presidente Codacons Carlo Rienzi.