Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Da Marchionne le nuove Alfa Romeo ai carabinieri

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Sono state consegnate giovedì 5 maggio a Roma le prime due Alfa Romeo Nuova Giulia con la livrea dei carabinieri. La cerimonia si è tenuta all'interno del parco del comando generale a Roma. Erano presenti i ministri dell'Interno e della Difesa Angelino Alfano e Roberta Pinotti, il presidente e l'ad di Fca John Elkann e Sergio Marchionne, il capo di stato maggiore della Difesa Claudio Graziano e il comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette. Alla cerimonia ufficiale, insieme a due modelli della Nuova Giulia Quadrifoglio, concessa in comodato d'uso gratuito, erano esposti diversi modelli della gamma Fca, Alfa Romeo Giulietta, Jeep Renegade, che verranno consegnati in 800 unità nel corso del 2016 e saranno configurati secondo le necessità dell'Arma per il controllo del territorio. I legami tra la Alfa e l'Arma "hanno radici storiche", ha detto Marchionne, subito dopo aver consegnato le chiavi delle due auto al comandante Del Sette. "Penso alle tante vetture che hanno affiancato e supportato la vostra missione - ha aggiunto - a cominciare dal secondo dopoguerra quando tutte le gazzelle portavano il marchio Alfa". Marchionne ha inoltre sottolineato che la nuova auto rappresenta "un nuovo corso" per l'azienda che riporterà in vita il mito dell'Alfa Romeo. Le due nuove vetture, saranno utilizzate a Roma e Milano per speciali interventi quali il trasporto di organi e sangue, oltre che per i servizi di scorta in occasione di cerimonie istituzionali. Le auto sono fornite di defibrillatore, speciali unità portatili di raffreddamento, predisposizione radio, sistema Odino, dispositivi supplementari di emergenza, porta arma lunga e torce led ricaricabili collocate nell'abitacolo. Per conoscere al meglio le caratteristiche dell'Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio, il gruppo Fca garantirà a un ristretto numero di carabinieri, selezionati direttamente dall'Arma, un corso di guida sicura presso l'autodromo di Varano de Melegari, a cura di istruttori Alfa Romeo. Alla cerimonia era in mostra un esemplare storico dell'Alfa Romeo Giulia, il primo ad essere impiagato dall'Arma dal 1963 al 1968.