Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Auto usate: cosa fare se si scopre che è "scaricato" il contachilometri

Andrea Niccolini
  • a
  • a
  • a

L'Unione nazionale consumatori interviene sul fenomeno illegale dello "scaricamento" del contachilometri dell'auto usata acquistata. "Il dato riportato dal contachilometri è un dato contrattuale; il venditore è obbligato a restituire parte del prezzo (0,4% del prezzo pagato per ogni scaglione di 1000 Km) fino ad una differenza di 50.000 Km; oltre questo limite potete esigere la risoluzione del contratto, se la scoperta avviene durante il periodo di garanzia legale - afferma una nota dell'Unc - Oltre il termine della garanzia legale non potrete agire sul fronte della garanzia, ma potrete contestare un "vizio occulto", per il quale il Codice Civile non prevede scadenza, dei termini e ricorrere all'Autorità garante della concorrenza e del mercato, che ha già severamente sanzionato professionisti per aver venduto un veicolo con il contachilometri taroccato, indipendentemente da chi materialmente lo ha fatto. La corretta manutenzione pregressa è un elemento critico per la futura affidabilità del veicolo; se non vi viene consegnato il libretto dei tagliandi, dal quale appaia che tutti i tagliandi previsti dalla casa sono stati regolarmente eseguiti, il veicolo è molto più logoro di quanto si possa presumere leggendo il conta chilometri".