Giugno nero per le auto: -2,1% di vendite

MERCATO

Continua il periodo nero per le auto: -2,1% di vendite

01.07.2019 - 18:16

0

Ancora un calo per il mercato automobilistico italiano nel mese di giugno del 2019. Le immatricolazioni di autovetture sono state 171.626 con una contrazione del 2,1% su giugno 2018, mentre il bilancio del primo semestre chiude a quota 1.082.197 con un calo del 3,5%. Secondo il Centro Studi Promotor non ci sono le condizioni per una ripresa nel secondo semestre. Dall’inchiesta congiunturale mensile sul mercato dell’auto condotta dal CSP a fine giugno emerge infatti che il 48% dei concessionari si attende domanda in calo nei prossimi mesi, mentre per il 50% le vendite si manterranno stabili sui bassi livelli attuali. Ne consegue che le immatricolazioni, che avevano toccato quota 1.910.564 nel 2018, dovrebbero attestarsi a fine anno a 1.835.000: un livello inferiore al massimo ante-crisi del 2007 di ben il 26,4%. E ciò mentre i livelli ante-crisi sono stati già da tempo raggiunti dagli altri grandi mercati europei.

Secondo Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor, gli elementi che determinano l’attuale insoddisfacente situazione del mercato italiano dell’auto vanno ricercati sia nel quadro economico che in fattori negativi specifici del comparto. L’attuale situazione dell’economia sta incidendo sul clima di fiducia sia dei consumatori che delle imprese che sono entrambi in calo in giugno. Numerosi elementi gravano negativamente sulle decisioni di acquisto di un’automobile. Preoccupa innanzitutto la situazione dell’economia che è di stagnazione con una chiara tendenza al peggioramento dato che le previsioni più accreditate indicano in calo il Pil nel secondo trimestre del 2019. E a ciò si aggiunge che le famiglie e le imprese sono preoccupate per l’incombere di una procedura di infrazione da parte dell’Unione Europea e per il fatto che non sia stato ancora scongiurato il pericolo di un aumento dell’Iva. E’ evidente che in un quadro di questo tipo un numero rilevante di potenziali acquirenti tende a rimandare la sostituzione di autovetture ormai pronte per essere dismesse con la conseguenza di ingrossare il serbatoio di domanda di sostituzione insoddisfatta accumulatasi durante la crisi.

A ciò si aggiunge che vi sono anche, come si accennava, elementi di freno della domanda specifici del comparto. Per quanto riguarda le auto aziendali utilizzate come beni strumentali è venuto meno nel 2019 il sostegno dei superammortamenti, mentre sia per le aziende che per i privati continua a pesare la demonizzazione del diesel. Le auto con questo tipo di motorizzazione sono state acquistate in passato in larga misura sia da soggetti desiderosi di contenere i costi di esercizio senza sacrifici in termini di prestazioni e facilità di impiego dell’auto. La demonizzazione del diesel (consistente nella minaccia di crescenti limitazioni nella possibilità di utilizzare questo tipo di auto) sta inducendo molti automobilisti, non ad accelerare la sostituzione del loro diesel (come forse qualcuno sperava), ma a rinviarne la sostituzione in attesa di trovare una soluzione alternativa altrettanto conveniente. A ciò si aggiunge che il calo delle quotazioni dei diesel usati rende ancora più difficile la sostituzione. Basti pensare che, secondo una rilevazione del Centro Studi Promotor sui concessionari, in una scala da 1 a 10 la difficoltà di vendere un’auto diesel dal 2016 ad oggi è passata da 3,9 a 6,4.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Dl imprese, Lega protesta in Aula Senato con cartelli 'Ilva'

Dl imprese, Lega protesta in Aula Senato con cartelli 'Ilva'

(Agenzia Vista) Roma, 23 ottobre 2019 Dl imprese, Lega protesta in Aula Senato con cartelli 'Ilva' La protesta della Lega in Aula a Palazzo Madama durante la discussione sul decreto salvaimprese. I senatori leghisti hanno alzato dei cartelli con la scritta "Ilva" per protestare contro l'abrogazione dello scudo ad Arcelor Mittal per la bonifica del sito di Taranto Fonte: Agenzia Vista / Alexander ...

 
Affari sull'accoglienza ai migranti, 25 persone denunciate

Affari sull'accoglienza ai migranti, 25 persone denunciate

Roma, 23 ott. (askanews) - Avrebbero lucrato sull'accoglienza ai migranti. E' stata ribattezzata "Welcome to Italy" l'operazione di Polizia e Guardia di finanza di Cassino, in provincia di Frosinone, che ha portato alla denuncia, a vario titolo, di 25 persone per reati che vanno dall associazione a delinquere finalizzata alla corruzione di dipendenti pubblici o incaricati di un pubblico servizio, ...

 
Centrodestra, Meloni: "In piazza San Giovanni è nato un fronte di Patrioti"

Centrodestra, Meloni: "In piazza San Giovanni è nato un fronte di Patrioti"

(Agenzia Vista) Roma, 23 ottobre 2019 Centrodestra, Meloni: "In piazza San Giovanni è nato un fronte di Patrioti" Intervista dell'Agenzia Vista alla leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni: "A piazza San Giovanni è nato un fronte di patrioti che vogliono un governo che torni finalmente a difendere gli interessi nazionali italiani come fanno in Europa tutti gli altri Paesi. C’era una ...

 
Regionali Umbria, Meloni: "Se Conte rispettasse sovranità popolare si sarebbe già dimesso"

Regionali Umbria, Meloni: "Se Conte rispettasse sovranità popolare si sarebbe già dimesso"

(Agenzia Vista) Roma, 23 ottobre 2019 Regionali Umbria, Meloni: "Se Conte rispettasse sovranità popolare si sarebbe già dimesso" Intervista dell'Agenzia Vista alla leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni: "Se Giuseppe Conte avesse un minimo di rispetto per la volontà e la sovranità popolare non farebbe il premier: si sarebbe già dimesso e sarebbe già andato a casa. Ma siamo in democrazia e ...

 
Encuentro si trasferisce a Isola Polvese

Perugia

Encuentro si trasferisce a Isola Polvese

Encuentro trasloca. Il festival della letteratura in lingua spagnola lascia il centro di Perugia e si trasferisce a Isola Polvese. Non solo, le date si spostano da maggio a ...

21.10.2019

Sculture a tema, le quattro opere  realizzate

Eurochocolate

Sculture a tema, le quattro opere realizzate

Un grande grifo con un bottone tra gli artigli è la monumentale scultura realizzata da Stefano Chiacchella. Un bottone che diventa rosone nell’opera di Massimo Arzilli o che ...

20.10.2019

Traffico rivoluzionatoper don Matteo

Spoleto

Traffico rivoluzionato
per don Matteo

Ultime due settimane di permanenza a Spoleto per il cast di Don Matteo 12. Le riprese nella città del Festival, che in questi giorni di metà ottobre sta ospitando numerosi ...

19.10.2019