Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sulla tragedia di Lampedusa:"Oggi è un giorno di pianto"

Il papa agli stranieri: "Tanti di voi siete stati spogliati da questo mondo selvaggio, che non dà lavoro, che non aiuta, a cui non importa se ci sono bambini che muoiono di fame nel mondo"

Claudio Bianconi
  • a
  • a
  • a

Momenti di sincera commozione sono stati vissuti ieri quando papa Francesco ha fatto riferimento alla tragedia di Lampedusa e al naufragio dell'imbarcazione che ha causato la morte di 111 immigrati, tra eritrei e somali, tra cui numerosi sono stati i bambini e le donne. Rivolgendosi "a braccio" ai poveri assistiti dalla Caritas, tra cui molti stranieri, il Papa ha detto che "tanti di voi siete stati spogliati da questo mondo selvaggio, che non dà lavoro, che non aiuta, a cui non importa se ci sono bambini che muoiono di fame nel mondo, non importa se tante famiglie non hanno da mangiare, non hanno la dignità di portare il pane a casa, non importa - ha aggiunto - di tanta gente che deve fuggire dalla schiavitù, dalla fame e fuggire cercando la libertà". "E con quanto dolore - ha detto ancora il Pontefice - tante voglie vediamo che trovano la morte come è successo ieri a Lampedusa. Ma oggi è un giorno di pianto".