E45, pedaggio per i camion che l'attraversano: sì del consiglio regionale

LA STORIA DELLA QUATTROCORSIE

E45, la strada maledetta erede del sogno di Mussolini e Hitler

18.01.2019 - 09:18

0

di Sergio Casagrande

La E45 è una strada maledetta. Maledetta dalla storia, maledetta dagli automobilisti. E maledetta anche dal nome. Perché il 16 settembre 1950 - raccogliendo l’eredità del sogno di Mussolini e Hitler che volevano creare su questo tracciato la “Strada dell’Asse” - viene battezzata E7, ma nel 1975 è costretta a cambiare la denominazione in E45. Una sigla che, ancora oggi, la maggioranza degli italiani crede essere limitata a un solo tratto di tutta questa lunghissima striscia d’asfalto che in realtà ha origine addirittura al di là del Circolo Polare Artico e collega il mare di Barents con il Mediterraneo.
La E45, infatti, non è la Orte-Cesena. Tantomeno la Orte-Ravenna. E neppure la Orte-Mestre. Spesso sbagliano perfino le istituzioni italiane e i servizi di segnalazione del traffico, quando la indicano nei pronunciamenti ufficiali.


La E45, infatti, ha le sue estremità molto più lontane dal Centro e dal Nord Italia. Ha la prima pietra miliare, il suo chilometro 0, in Norvegia, alle porte della cittadina di Alta. E l’ultima, dopo 5.190 chilometri, a Gela, in Sicilia.


Non attraversa solo poche regioni dell’italico Stivale, ma ben 7 Paesi, molti dei quali li percorre perfino in tutta la loro lunghezza: Italia, Austria, Germania, Danimarca, Svezia, Finlandia e Norvegia.
In realtà è un tracciato europeo, composto da più tratti di varie strade e cresciuto nella sua parte più settentrionale anno dopo anno fino a diventare, oggi, tra i più lunghi di tutto il continente europeo.
Solo in Italia include l’A22 (dal Brennero a Modena); dell’A1 (da Modena a Bologna e da Orte a Napoli); l’A14 (da Bologna a Cesena); la Statale 3 Bis (tra Cesena e Terni); la Statale 675 (tra Terni e Orte); la A3 (tra Napoli e Villa San Giovanni - e ne potrebbe far parte anche l’ipotetico futuro Ponte di Messina); la A18 (tra Messina a Catania); la Tangenziale Ovest di Catania; la Statale 114 (Catania - Siracusa); e la Statale 115 (Siracusa - Gela).


Una strada, quindi, di grande importanza per la viabilità non solo italiana, ma di tutta l’Unione europea. E anche degli altri Paesi extra Ue del continente, visto che si interseca in più punti con altri tracciati europei.


Una lunghissima striscia d’asfalto, insomma, che, nelle intenzioni della Commissione economica per l’Europa (organismo delle Nazioni Unite) dovrebbe rivestire un ruolo strategico per lo sviluppo economico, e in particolare per gli scambi commerciali, delle nazioni che attraversa o che serve indirettamente.


Dei 7 Paesi in cui transita, però, finora solo l’Italia non ne ha sfruttato in pieno le potenzialità, tranne che con un interporto creato alle porte di Verona. Un porto a Gela che costituisca un trampolino per il Mediterraneo, un ponte che eviti il traghettamento tra Reggio Calabria e Catania, una bretella a quattrocorsie tra Orte e Civitavecchia sono, invece, ancora lì. Nel limbo.


Il problema cronico della E45, quindi, è in Italia. E lo stato del tratto che va da Orte fino a Cesena ne costituisce la punta dell’iceberg. Proprio questa parte della E45 è martoriata dalle buche, da infrastrutture anacronistiche fin dalla loro realizzazione (il progetto di farne una quattrocorsie, per essere ultimato, ha impiegato più di 40 anni di lavori) e da un traffico impietoso di mezzi pesanti che, ogni giorno, rendono pericoloso il viaggio con qualsiasi mezzo. Una via crucis quotidiana, periodicamente segnata da incidenti anche gravissimi, che a metà degli anni ’90 finì per spingere una concessionaria perugina della Toyota a promuovere perfino un slogan, per commercializzare, un nuovo fuoristrada: “Nuovo Rav 4: adatto a tutti i terreni impegnativi, anche alla E45”.

Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Renzi alla Leopolda cita Aldo Moro e chiude sulle note di Tommaso Paradiso: "Non avere paura"

Renzi alla Leopolda cita Aldo Moro e chiude sulle note di Tommaso Paradiso: "Non avere paura"

(Agenzia Vista) Firenze, 20 ottobre 2019 Renzi alla Leopolda cita Aldo Moro e chiude sulle note di Tommaso Paradiso: "Non avere paura" Matteo Renzi interviene sul palco della Leopolda 10: "Se vogliamo essere presenti, diceva Aldo Moro, dobbiamo essere per le cose che nascono anche se hanno contorni incerti, e non per le cose che muoiono, anche se vistose e in apparenza utilissime" Fonte: Agenzia ...

 
Di Maio e l'inglese, prova superata

Di Maio e l'inglese, prova superata

(Agenzia Vista) Washington, 20 ottobre 2019 Di Maio e l'inglese, prova superata Il ministro degli Esteri, Luigi di Maio, a Washington interviene in inglese al convegno 'Un futuro comune: Stati Uniti e Italia', organizzato dal Consiglio per le relazioni tra Italia e Stati Uniti / fonte FB. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Sculture a tema, le quattro opere  realizzate

Eurochocolate

Sculture a tema, le quattro opere realizzate

Un grande grifo con un bottone tra gli artigli è la monumentale scultura realizzata da Stefano Chiacchella. Un bottone che diventa rosone nell’opera di Massimo Arzilli o che ...

20.10.2019

Traffico rivoluzionatoper don Matteo

Spoleto

Traffico rivoluzionato
per don Matteo

Ultime due settimane di permanenza a Spoleto per il cast di Don Matteo 12. Le riprese nella città del Festival, che in questi giorni di metà ottobre sta ospitando numerosi ...

19.10.2019

Lorenzo Rinaldi ai "live": il sogno continua

su sky

Il ternano Lorenzo Rinaldi ai "live" di X Factor

Lorenzo Rinaldi, il 19enne ternano in lizza a X Factor, il talent più popolare della tv italiana, su Sky, è tra i 12 finalisti. Il giudice della sua categoria, Malika Ayane, ...

18.10.2019