Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Furbetti della sanità, 220 mila prestazioni a vuoto

Marina Rosati
  • a
  • a
  • a

Circa 220 mila prestazioni sanitarie l'anno che vanno a vuoto perché vengono prenotate ma non disdette, né di conseguenza effettuate. Un valore che, percentualmente, si aggira intorno al 7 per cento del totale complessivo di esami e visite effettuate in Umbria, con un netto miglioramento da quando, circa un anno, è stato attivato il servizio di recall. Con questo strumento, spiega la presidente della Regione, Catiuscia Marini, “abbiamo abbassato notevolmente il problema. Potremmo introdurre il pagamento del ticket al momento della prenotazione, come hanno fatto altre Regioni, ma non lo faremo”. Palazzo Donini pensa invece anche ad altri provvedimenti contro le liste d'attesa come la presa in carico e la previsione di figure ad hoc tra cui un dirigente. SERVIZIO COMPLETO NEL CORRIERE DELL'UMBRIA DI MARTEDI' 19 MARZO 2019