Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Nuova Zelanda, attacco terroristico in due moschee: almeno 40 morti, strage in diretta Facebook

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Almeno 40 morti e 20 feriti gravi: è questo l'attuale bilancio di un doppio attacco avvenuto in Nuova Zelanda. Tre uomini e una donna - già fermati dalla polizia -hanno aperto il fuoco in due moschee della città di Christchurch, una in Deans Avenue e l'altra in Linwood Avenue. L'attacco voleva essere su più vasta scala: sono anche stati trovati due esplosivi attaccati a dei veicoli sospetti, che gli artificieri hanno disinnescato.  Gli assaltatori hanno voluto filmare tutto e mandare le immagini in live streaming. Indossando delle go-pro sulla testa, hanno registrato integralmente i momenti dell'attentato e sono stati diffusi dei video che mostrano la sparatoria ai fedeli. Video che fanno sembrare l'attacco un videogioco ripreso in soggettiva e che la polizia ha pregato di non diffondere. AFP ha analizzato una copia del video trasmesso in diretta Facebook che mostra un uomo caucasico dai capelli corti guidare verso una moschea e poi sparare entrando nell'edificio. L'uomo continua a sparare alle persone all'interno della moschea, alcuni dei quali cercano di fuggire mentre altri stanno rannicchiati negli angoli dell'edificio. Secondo l'indagine di Afp, il video è autentico. "È chiaro che quello che è accaduto può essere descritto solo come un attacco terroristico", ha dichiarato il primo ministro Jacinda Ardern. "Da ciò che sappiamo finora sembra che gli attacchi fossero ben programmati".