Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Dissesto idrogeologico, all'Umbria serve mezzo miliardo

default_image

Catia Turrioni
  • a
  • a
  • a

“All'Umbria servono quasi 400 milioni per risanare il dissesto idrogeologico, altri 75 per le aree colpite dal sisma, non necessariamente facenti parte del cratere. Non pretendiamo che questi soldi ci vengano assegnati d'emblée, semplicemente di essere messi nelle condizioni di poter andare avanti con il nostro lavoro”. La presidente della Regione, Catiuscia Marini, ha incontrato ieri a Roma il premier Giuseppe Conte sul “Proteggi Italia” che all'Umbria assegna appena 939 mila euro per il 2019, circa un milione per il 2020 e altrettanto per il 2021, soldi che vengono però legati all'emergenza maltempo di ottobre-novembre 2017. Il sottosegretario agli Interni, Stefano Candiani (Lega), ieri a Terni, ha spiegato che la ripartizione delle risorse del piano “Proteggi Italia” non deve essere considerata definitiva, così come per il piano Periferie, ma che il Governo sta valutando i progetti presentati e le richieste dei vari territori. Servizio integrale sul Corriere dell'Umbria del primo marzo 2019