Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Thailandia, ragazzi e allenatore tutti salvi e stanno bene

Operazione nei cunicoli

Nessuno ha la febbre, in ospedale solo per controlli

Franco Bechis
  • a
  • a
  • a

Contro ogni speranza e i non pochi timori della vigilia, il miracolo si è avverato: sono tutti salvi i 13 prigionieri della grotta in Thailandia, 12 ragazzini di una squadra di calcio e il loro allenatore di 25 anni. I due ragazzini che mancavano e per ultimo l'allenatore sono stati portati fuori dalla grotta dai soccorritori-sub questa mattina. Stanno tutti bene e i 10 che già erano ricoverati in ospedale sono tutti sfebbrati e mangiano con appetito e perfino allegria. Staranno ancora in isolamento per qualche ora fino a quando non sarà scongiurato il rischio di infezioni e polmonite. Ma i primi quattro di loro hanno potuto già abbracciare i loro genitori. Precauzionalmente sono trattati tutti con antibiotico, e comprensibilmente hanno ancora difficoltà a distinguere fra il giorno e la notte, dormendo così pochissimo. Ma non sembrano affaticati. L'ultimo salvataggio è iniziato quando in Italia erano le quattro di notte sotto una pioggia torrenziale che per fortuna è smessa già alle 5. Si è calata nelle grotte la stessa squadra di 19 soccorritori che aveva operato nei giorni precedenti, questa volta assistita all'esterno anche da un medico australiano. Appena portati all'esterno i due ragazzini e l'allenatore sono stati prelevati in elicottero e portati in ospedale. Saranno in quarantena fino a giovedì mattina, ma potranno salutare i genitori attraverso un vetro.