Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Scossa di terremoto avvertita alle 00.43

L'epicentro della scossa sulla mappa diffusa dall'Ingv

Sergio Casagrande
  • a
  • a
  • a

*** NOTIZIA IN RETE DALLE ORE 00.46 *** (Ultimo aggiornamento ore 01.43) Una scossa di terremoto è stata avvertita chiaramente alle ore 00.43 del 27 marzo 2018 in buona parte dell'Umbria e delle Marche a ridosso dell'Appennino Umbro Marchigiano. La scossa - che è durata per alcuni secondi - nel Folignate, in particolare, è stata distintamente anticipata da un boato.  Ore 00.52 - Sui social appaiono le prime testimonianze di chi ha avvertito il sisma. Ore 00.53 - Secondo fonti non ufficiali la scossa avrebbe raggiunto almeno l'intensità 3.5. Ma dall'Ingv ancora nessuna comunicazione ufficiale. Ore 00.55 - L'Ingv diffonde la valutazione ufficiale: la scossa è quantificata in magnitudo 3.4. Epicentro a 6 chilometri verso ovest da Serravalle di Chienti, in provincia di Macerata, proprio al ridosso del confine tra Umbria e Marche, vicinissimo a Colfiorito e Annifo di Foligno, a soli 10 chilometri di distanza da Nocera Umbra e 18 da Foligno. L'ipocentro è stato localizzato a soli 8 chilometri di profondità. Ore 01:03 - Dai centri di allerta regionali di Umbria e Marche nessuna segnalazione di danni di rilievo. Ma la scossa è stata comunque avvertita in una vasta area a cavallo tra le due regioni.  Ore 01:25: Ingv informa di aver ricevuto segnalazioni di testimoni che hanno avvertito chiaramente la scossa anche da Perugia, Spoleto, Gualdo Tadino, Valfabbrica, Fabriano, Tolentino, Matelica, San Severino Marche. Il maggior numero di segnalazioni proviene comunque da residenti del territorio comunale di Foligno. Il fenomeno deve presumibilmente ritenersi l'ennesimo strascico della crisi sismica attivatasi nel Centro Italia dal 2016 che evidentemente, a distanza di tanto tempo, continua comunque veder proseguire - anche se fortunatamente con minore frequenza e più lieve intensità - il ripetersi delle scosse.