Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Le liste d'attesa si allungano ancora

Tesla 1,5 è in grado di arrivare a 5000 diagnosi l'anno

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Le liste d'attesa della sanità umbra sono in aumento soprattutto per risonanze e ecografie, nell'ultimo monitoraggio effettuato tra la fine del 2017 e l'inizio del 2018 nelle due aziende ospedaliere e nelle due Asl. Per una risonanza magnetica all'ospedale di Perugia passano 160 giorni dalla prenotazione. Quando il tempo massimo previsto è di 60. Nelle Asl sempre alla voce risonanza si arriva ad attendere fino a sei mesi. Nonostante i piani di riduzione messi in campo dalle singole direzioni sanitarie, i tempi si allungano. Con punte record. Una colonscopia programmata nel distretto dell'Alto Chiascio impiega 545 giorni, quando il limite è di 180. In altri casi i tempi si accorciano ma restano comunque sopra il tetto. Nessun problema per le urgenze e le prestazioni che rientrano nei raggruppamenti temporanei di attesa. Il monitoraggio è stato effettuato sulla base degli ultimi dati disponibili di aziende ospedaliere e Asl tra la fine nel 2017 e l'inizio del 2018. Servizio completo nell'edizione del 18 febbraio del Corriere dell'Umbria