Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Violenza su treni e bus, il prefetto dice basta

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

La definizione di strategie condivise per un ulteriore innalzamento dei livelli di sicurezza nelle stazioni, sui treni e a bordo dei mezzi del trasporto pubblico. E' stato questo l'argomento oggetto di approfondimento nel corso della riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica. All'incontro, convocato dal prefetto Raffaele Cannizzaro hanno preso parte gli esponenti delle forze dell'ordine, nonché rappresentanti della Regione, della Provincia, del Comune, di Rete ferroviaria italiana, di Trenitalia e di Busitalia. Il prefetto ha anzitutto sottolineato l'importanza di uno sforzo corale dei i soggetti presenti al tavolo per accrescere i livelli di sicurezza (anche percepita) sia nelle stazioni sia sui mezzi (ferroviari e non) del trasporto pubblico. “In tale direzione - ha proseguito Cannizzaro - occorrerà valorizzare al meglio i sistemi di videosorveglianza esistenti, anche valutando la possibilità di una loro implementazione e prevedendo al contempo mirati servizi di controllo sui treni maggiormente a rischio, al fine di prevenire e contrastare fenomeni di illegalità”. Da parte loro, il questore e il dirigente del compartimento della Ferroviaria hanno confermato piena disponibilità a programmare specifici servizi di vigilanza, soprattutto a bordo di quei convogli in cui si sono verificati episodi di violenza consistiti in aggressioni al personale di Trenitalia o comunque dove sono emerse maggiori criticità.