Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

I vitalizi continuano a crescere, pronta la mannaia

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Incombono altri tagli per i vitalizi degli ex consiglieri regionali. Nonostante siano stati aboliti nel 2015, la spesa lievita ancora. Tra i buoni propositi dell'assemblea legislativa dell'Umbria c'è quello di valutare un emendamento per ridurre gli esborsi respinto in sede di approvazione del disegno di legge “omnibus” il 21 dicembre scorso. L'ufficio di presidenza dell'assemblea, con la presidente Donatella Porzi e il vicepresidente Marco Vinicio Guasticchi, ha confermato l'intenzione di affrontare la questione nel 2018. Entro gennaio. Fare presto è la parola d'ordine: anche perché le cifre aumentano anno dopo anno. Eppure dal 2015 il vitalizio è stato cassato. Ma solo per i nuovi consiglieri. Così nell'ultimo bilancio di previsione di Palazzo Cesaroni questa voce c'è ancora. E cresce. Per il 2018 sono previsti 4.135.200 euro, nel 2019 si arriva a 4.215.805 euro, che nel 2020 saliranno a 4.302.000 euro. Circa 100.000 euro l'anno in più. Sono saliti a 104 gli assegni (fino a 7.500 euro l'uno) liquidati ogni mese agli ex consiglieri. Servizio completo nell'edizione del 29 dicembre del Corriere dell'Umbria