Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arriva Decathlon, stretta ai lavori

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Passando dal raccordo Perugia-Bettolle gli automobilisti potranno vedere dall'alto il grande "Villaggio della Forma Decathlon" con i suoi due grandi edifici immersi in un parco, il ristorantino, i campi sportivi e il percorso ciclabile, un modo diverso per alleggerire l'impatto dell' enorme complesso commerciale, a differenza di altri della zona che cercano di attirare l'attenzione utilizzando i colori squillanti delle pareti esterne e le gigantesche scritte di richiamo sui tetti. Poco importa quindi, dicono i dirigenti del gigante mondiale di articoli sportivi, se nel percorso del raccordo, per chi arriva dal Lago, non c'è l'uscita di Olmo, proprio davanti al complesso, "basterà che dall'alto ci vedano. Potranno uscire dallo svincolo di Corciano o a quello di Ferro di Cavallo, l'importante è che siamo visibili". Né potrebbe essere altrimenti perché l'area del Villaggio è veramente imponente, va da Olmo fino alle Quattrotorri: 15 mila mq coperti e 11 ettari scoperti dei quali 5 ettari destinati a parco. Solo pochi giorni fa sono stati piantati 100 cipressi, poi ci saranno altre piante autoctone come lecci e platani. I lavori stanno avanzando a grande velocità in vista dell'inaugurazione che avverrà intorno al 20 marzo, circa due settimane prima di Pasqua. Una delle tre rotonde stradali previste dal progetto è già terminata e funzionante, quella in via Corcianese all'altezza di via Tomasi di Lampedusa. Faciliterà l'ingresso al padiglione Decathlon attraverso un lungo percorso rettilineo per le auto, affiancato dal percorso ciclo-pedonale lungo 1 chilometro e mezzo che arriverà fino dall'altra parte, in mezzo al verde, e sarà utilizzato da chiunque voglia fare jogging o pedalare in libertà. Servizio completo di Anna Lia Sabelli Fioretti sul Corriere del 16 dicembre