Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

"Costretti a lavorare per 3 euro l'ora"

default_image

Marina Rosati
  • a
  • a
  • a

Altri casi di caporalato in Umbria sia in agricoltura che in altri settori. Dopo il caso di Amal, il bengalese di 32 anni costretto a lavorare in condizioni proibitive e a uno stipendio da fame emergono altre storie di stranieri sfruttati in ambito lavorativo. Questa volta è il caso di due moldavi di 22 e 24 anni arrivati a Perugia con la speranza di un futuro migliore. Invece si sono imbattuti in un padrone-aguzzino che li ha messi a fare lavori pesanti in agricoltura prendendo circa 3 euro l'ora. Dopo un periodo di soprusi se ne sono andati ma sono imbattuti in un altro imprenditore-caporale che poi hanno denunciato.  SERVIZIO COMPLETO SUL CORRIERE DELL'UMBRIA DI MARTEDI' 4 APRILE 2017