Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Aeroporto di Orly: identificato l'uomo ucciso nella sparatoria

Sergio Casagrande
  • a
  • a
  • a

Sparatoria in Francia, all'aeroporto di Orly, a sud di Parigi. Alle ore 9.25 del 18 marzo 2017 il quotidiano "L'Indipendant" ha riferito di un uomo abbattuto. L'uomo ucciso è stato identificato alle 11.05 e si è scoperto che era già conosciuto dalle forze di polizia. Lo ha annunciato, davanti alle telecamere, nei pressi dello scalo, il ministro dell'Interno francese, Bruno Le Roux che non ha fornito però le generalità dell'ucciso. "The Indipendente", che cita fonti di polizia francese, aggiuge invece che si tratterebbe di un uomo conosciuto dall'intelligence come "un musulmano radicalizzato". «Tutte le forze di intervento e sicurezza nazionali si sono dispiegate rapidamente (subito dopo la sparatoria ndr) mettendo in sicurezza il perimetro dello scalo e diverse migliaia di utenti», ha aggiunto il ministro  L'aeroporto infatti  è stato fatto evacuare e sono entrate in azione le squadre antiterrorismo. Vasto lo spiegamento di militari, gli aerei in partenza sono stati bloccati e quelli in arrivo dirottati su altri scali francesi. L'uomo ucciso ha tentato di forzare i controlli di sicurezza e di impadronirsi dell'arma di un militare. Le forze di sicurezza hanno reagito sparando e l'uomo è stato abbattuto. L'Aeroporto di Orly è ubicato 14 km a sud di Parigi, nella regione Île-de-France. È essenzialmente utilizzato per i voli nazionali, europei, e i voli a destinazione Maghreb, Medio Oriente e per collegamenti domestici francesi. Il fatto è accaduto poco dopo le 8.30 del 18 marzo 2017, quando lo scalo era particolarmente affollato di viaggiatori. Alle 10.30 si è anche appreso che un agente di polizia è stato ferito da arma da fuoco a un posto di blocco su una strada a Stains, a nord della regione di Parigi, e, secondo quanto riferito dai media francesi, le autorità starebbero studiando la possibile connessione con quanto avvenuto all'aeroporto di Orly. Questo fatto in realtà è accaduto poco prima delle 7.00 del 18 marzo 2017  quindi  circa un'ora e mezza prima della sparatoria in aeroporto: il conducente di un veicolo ha sparato su tre agenti a un posto di blocco che lo avevano fermato per un controllo. Secondo il canale Bfm tv, l'uomo avrebbe lasciato l'auto, che era stata precedentemente rubata, nel dipartimento di Val de Marne, dove avrebbe rubato un'altra macchina, poi trovata nel parcheggio dello scalo a sud di Parigi dove è avvenuta la sparatoria e l'uccisione dell'aggressore. Ora si ipotizza che l'uomo della sparatoria a Stains e quello a Orly possano essere la stessa persona