Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sempre più voucher e meno pensione

Marina Rosati
  • a
  • a
  • a

Uso e abuso dei voucher. Boom sull'utilizzo dei buoni lavoro anche in Umbria con il risultato che anche nella nostra regione a gennaio i voucher venduti corrispondono a quota 141.030 (-3,1% rispetto a gennaio 2016) mentre a livello nazionale continua ad aumentare il numero complessivo(+3,9%). I voucheristi non hanno diritto alla maternità, alle ferie, alla invalidità e gli stessi diritti previdenziali sono praticamente cancellati. Di fronte ad un versamento previdenziale pari al 13%, il massimo della pensione prevista corrisponde a 208,35 euro mensili (calcolo Inca-Cgil). SERVIZIO COMPLETO SUL CORRIERE DELL'UMBRIA DI SABATO 11 MARZO