Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La batosta del terremoto sull'economia della Valnerina

Marina Rosati
  • a
  • a
  • a

Il sisma del 30 ottobre ha riguardato nel complesso 15 comuni umbri con danni strutturali gravi, coprendo una superficie territoriale di circa 1.410 chilometri quadrati (16,7% dell'intera superficie regionale) e una popolazione residente di 57mila e 500 abitanti (il 6,5% del totale regionale) con più di 24mila famiglie. Sono questi alcuni dati elaborati dall'Ires-Cgil sulla situazione economica della Valnerina.  Le imprese attive (con riferimento alle unità locali) nelle attività industriali e terziarie sono pari a 4.987 (il 6,2% del dato regionale) ed occupano circa 13.100 addetti (pari al 5,8% della forza lavoro nel comparto privato non agricolo umbro). A queste si aggiungono circa 1.600 imprese agricole (il 9,2% di quelle della regione). L'area, colpita nonostante si vada a connotare per un imponibile Irpef medio-basso, come rilevato nel 2014 (con 17.233 euro per contribuente pari al 7,2% in meno della media regionale di 18.574 euro per contribuente) si caratterizza comunque per un certo contributo all'economia regionale, laddove hanno un peso rilevante anche le attività turistiche, con circa 637mila presenze registrate negli esercizi ricettivi al 2015 (10,8% del totale) e 291 mila arrivi (12,1% del totale).  SERVIZIO COMPLETO SUL CORRIERE DELL'UMBRIA DI MARTEDI' 28 FEBBRAIO