Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gite scolastiche, ecco il vademecum della polizia

Jacopo Barbarito
  • a
  • a
  • a

Anche la polizia stradale di Terni sta attuando il protocollo d'intesa tra polizia stradale e Ministero dell'Istruzione finalizzato al controllo del trasporto scolastico in occasione di gite o uscite didattiche. In seguito al protocollo la stradale ha elaborato un Vademecum che, diffuso dal MIUR, incoraggia i docenti ad osservare aspetti da non trascurare con riferimento alla sicurezza del viaggio. La prima fase del controllo deve essere effettuata dagli organizzatori delle visite d'istruzione: i dirigenti scolastici sono stati invitati a porre la massima attenzione alla scelta delle aziende cui affidare il servizio di trasporto. Alla partenza, che sarà comunicata alla sezione polizia stradale del capoluogo della provincia nella quale si trova la scuola, ci saranno i controlli da parte della polizia stradale. I veicoli saranno controllati dal punto di vista documentale e sotto l'aspetto della sicurezza ed efficienza del mezzo (luci, pneumatici, estintori, uscite di sicurezza, ecc.). Gli agenti provvederanno a controllare il conducente sia per lo stato psicofisico con le apparecchiature in dotazione (precursore/etilometro) e sia per il rispetto dei tempi di guida e di riposo attraverso la lettura dei dati forniti dal dispositivo cronotachigrafo. Durante il viaggio, invece, se la condotta del conducente e l'idoneità del veicolo non dovessero rispondere ai requisiti riassunti nel Vademecum potrà essere richiesta la collaborazione della polizia stradale; in presenza di evidenti situazioni che possono compromettere la sicurezza della circolazione e l'incolumità dei trasportati, in qualsiasi momento, dovrà essere richiesto l'intervento della Polizia Stradale tramite i numeri di emergenza.