Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, traffico di cocaina ed eroina malgrado le restrizioni del Coronavirus: arrestato 41enne dai carabinieri

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

Coronavirus in Umbria, le restrizioni non scoraggiano i trafficanti di droga a Terni, ma anche l'attività delle forze dell'ordine è sempre in prima linea per combattere lo spaccio. Così un uomo di 41 anni, di origine marocchina, già agli arresti domiciliari nella propria abitazione, è stato trovato in possesso di 380 grammi di cocaina e 23 grammi di eroina. L'operazione porta la firma dei carabinieri della stazione di Terni, in collaborazione con i colleghi del Nucleo investigativo, ed è stata messa a segno sabato 18 aprile 2020 in via Lombardia, nella zona di Borgo Bovio. I militari tenevano d'occhio il 41enne da tempo ed avevano notato una sua strana abitudine: approfittando del permesso di uscire dalla propria abitazione dalle 17 alle 19, andava spesso in un'abitazione attigua alla propria, entrando da una finestra, uscendo fuori dopo citrca una mezzora. Nella mattinata di sabato, così, i carabinieri hanno deciso di perquisire l'abitazione del marocchino e quella attigua. E' stata trovata la droga, peraltro ben nascosta in una intercapedine ricavata in un vecchio mobile. I militari hanno rinvenuto una scatola con 13 bustine termosaldate contenenti cocaina per 368 grammi complessivi, oltre a una confezione di mannite, una sostanza da taglio, parzialmente usata. Nascosti in una cantina della seconda abitazione, sono saltati fuori ovuli di eroina del peso complessivo di 23 grammi, altre 9 bustine di cocaina per circa 3 grammi, una bustina di cocaina contenuta in un barattolo di vetro del peso di 9 grammi, oltre a un bilancino elettronico, varie buste di cellophane azzurro, un micro telefono cellulare, un'agenda e fogli manoscritti in lingua araba. All'interno dell'abitazione principale, invece, i militari hanno rinvenuto un telefono cellulare e la somma di denaro per complessivi 7064,80 euro in banconote di vario taglio e monete, provento dell'attività di spaccio, parzialmente celati all'interno di una scarpa da donna e in alcune scatole per indumenti. Al termine delle operazioni di rito, l'arrestato, difeso dall'avvocato Francesco Mattiangeli, è stato rinchiuso nel carcere di vocabolo Sabbione a disposizione dell'autorità giudiziaria, in attesa dell'udienza di convalida dell'arresto in programma (in videoconferenza) mercoledì 22 aprile 2020. (Dice di andare a trovare i parenti e invece va a comprare la droga - Leggi)