Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

A Castelluccio di Norcia i contadini non si arrendono e vanno avanti con la semina

Catia Turrioni
  • a
  • a
  • a

Coronavirus in Umbria, parte da Castelluccio di Norcia l'appello a non tirarsi mai indietro e a continuare senza tregua. La semina è vita e nascita, la speranza di ricominciare e di avere un domani migliore. “Noi contadini non ci arrendiamo”, dice Maurizio Brandimarte mentre prepara le seminatrici per andare a Castelluccio di Norcia. “Il prossimo mese sarà decisivo per il nostro futuro - spiega la figlia Alessia che gestisce insieme ai genitori l'azienda di famiglia - la lenticchia ha bisogno di acqua e sole, se mancherà la pioggia sarà difficile avere una bella fioritura e quindi un bel raccolto”. Sarà una Pasqua di speranza, dunque. Servizio integrale sul Corriere dell'Umbria di giovedì 9 aprile