Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Orvieto: ferro e manganese nelle acque della frazione di Osarella. Il Sii invia le autobotti

Il Sii ha risolto il problema

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

Ancora problemi idrici ad Osarella, frazione di Orvieto.  D'intesa con il Comune, il Servizio idrico integrato di Terni ha attivato le autobotti per alimentare parzialmente il serbatoio di ricarica della frazione. Il provvedimento è stato assunto in via del tutto precauzionale. Non sussistono, infatti, particolari condizioni di emergenza “ma – rassicurano dal Sii – solo un temporaneo aumento del livello di ferro e manganese nell'acqua, registrato dai monitoraggi e legato presumibilmente a fenomeni naturali da sempre presenti nella zona”. Contenuti anche i disagi. Nelle abitazioni l'acqua arriva pulita e sicura, rispetto a qualche mese fa quando la colorazione era tutt'altro che trasparente. Il rimpinguamento manuale del serbatoio tramite autobotti ha lo scopo di “aumentare il livello dell'acqua e diluire così le sostanze eventualmente presenti, impedendone la concentrazione”. La situazione viene comunque monitorata continuamente dai tecnici del Sii che, in collaborazione con il Comune, sta procedendo alla valutazione di un progetto di completamento delle opere di ammodernamento della rete idrica di Osarella, già, peraltro, iniziato da tempo. Dopo aver eseguito una corposa serie di lavori che hanno riqualificato gran parte del sistema di distribuzione esistente, si stanno esaminando varie ipotesi per estendere gli interventi alla piccola parte di rete ancora mancante. Non più tardi di un paio di settimane fa, essendosi verificati alcuni episodi di temporanea torbidità in alcune abitazioni della zona, il Sii aveva proceduto ad un intervento immediato per risolvere il problema che ad Osarella è stato sempre legato alla elevata concentrazione di ferro nelle falde. Proprio per questo furono fatti lavori per 60 mila euro al fine di riqualificare gli impianti di deferrizzazione ed eliminare il problema. In effetti in gran parte di Osarella oggi la questione è stata risolta, ma in un piccolo agglomerato di case nei giorni scorsi si era di nuovo registrata la presenza, in alcune circostanze, di sostanze ferrose. Nell'ambito della revisione del piano di interventi 2020/2030, insieme al Comune di Orvieto, si procederà alla valutazione di un progetto più strutturale.