Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ast, giallo sull'ad Lucia Morselli: lascia o raddoppia?

Andrea Niccolini
  • a
  • a
  • a

Dopo la marcia indietro di Ast sul piano da 550 lavoratori in mobilità, il vertice dell'azienda è avvolto in un giallo. L'amministratore delegato Lucia Morselli, data per dimissionaria venerdì dopo l'annuncio della nomina come Ad di Trenord, invece secondo l'azienda di viale Brin resterebbe al suo posto. In un comunicato ufficiale, Ast scrive infatti "il vertice di Ast rimane immutato. La dott.ssa Lucia Morselli resta amministratore delegato dell'azienda. Ogni ipotesi di variazione dei vertici aziendali deve ritenersi, pertanto, non confermata". Secondo viale Brin - pare di capire - le due cariche non sarebbero incompatibili; ammesso che sia così, rimarrebbe il problema di un vertice "a mezzo servizio" in un momento delicatissimo. Le trattative romane hanno messo in evidenza una questione fondamentale: la vertenza Ast rientra in un quadro molto più ampio nel quale sono coinvolti più soggetti a livello internazionale e più impianti produttivi italiani, con il governo a mediare; un "risiko" dal quale Terni deve cercare con ogni mezzo politico di uscire nel migliore dei modi.