Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, Confcommercio Umbria: cancellate il 70% delle prenotazioni, stato di calamità per il turismo

default_image

Marina Rosati
  • a
  • a
  • a

”La psicosi da Coronavirus sta mettendo in ginocchio il settore turistico: il numero di prenotazioni cancellate ha superato il 70%”. Dopo l'incontro in Regione di lunedì scorso, il presidente di Confcommercio, Giorgio Mencaroni, rilancia con dati alla mano, la preoccupazione degli operatori e chiede che venga dichiarato lo stato di calamità per il comparto. “Oltre alle disdette di breve periodo”, continua il numero uno dell'associazione “sappiamo già che a maggio molti turisti stanno verificando la possibilità di rinunciare a venire in Umbria. Ora paghiamo l'azzeramento del turismo scolastico, la cancellazione di molti grandi eventi e altri sono a rischio. Le nostre agenzie di viaggio si trovano a fronteggiare una situazione pesantissima, tra disinformazione, rimborsi per viaggi mancati e difficoltà nel recupero dei servizi già pagati ai fornitori e mai utilizzati. Bar e ristoranti stanno accusando pesantemente il colpo. Anche le guide turistiche sono in crisi come tutto l'indotto, esercizi commerciali di vicinato compresi, che ruota attorno al turismo: in Umbria una fetta importante dell'economia regionale. Bisogna fare molto, molto presto, e bene. Confcommercio – aggiunge il presidente Mencaroni – ha già chiesto il riconoscimento a livello nazionale dello stato di crisi. Ha costituito al suo interno una task force per fornire informazioni corrette e assistenza alle nostre imprese, di cui facciamo parte anche noi umbri, ed è in contatto costante con il governo in vista dei provvedimenti attesi. Anche la Regione Umbria si è attivata subito per costituire il tavolo di lavoro che provvederà a monitorare costantemente la situazione delle imprese umbre dei diversi settori, al quale Confcommercio fornirà tutto il contributo necessario di analisi e di proposta. Perché le imprese si aspettano un aiuto concreto, nel più breve tempo possibile”. Leggi anche: Positiva al coronavirus partorisce a Piacenza, il bimbo è negativo SERVIZIO COMPLETO NEL CORRIERE DELL'UMBRIA DI GIOVEDI' 27 FEBBRAIO 2020