Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, truffa del finto incidente: condannati due napoletani. Uno dei raggiri a Orvieto

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

La classica truffa del finto incidente stradale, in alcuni casi messa a segno, in altri solo tentata, al centro di un processo che ha portato alla condanna di due persone: un 52enne originario di Casoria (Napoli) e un 43enne di Napoli. Ad emettere la sentenza è stato il giudice del tribunale di Terni, Massimo Zanetti, che, accogliendo le richieste del pm Adalberto Andreani, ha inflitto al primo una pena pari a un anno e tre mesi di reclusione e al secondo un anno e due mesi. I fatti, quattro distinti episodi, risalgono alla primavera del 2016 e sono avvenuti in diverse zone d'Italia: in provincia di Terni ad Orvieto e poi a Mira (Venezia), Ancona e Giulianova (Teramo). Vittime, tutte persone anziane a cui i due truffatori, già gravati da numerosi precedenti specifici, sono riusciti a spillare quasi 2 mila euro in tutto. Quello accaduto a Mira non era riuscito perché la vittima, un 88enne, aveva chiamato i carabinieri, costringendo i due a fuggire alla svelta. Era andata meglio per loro ad Orvieto con la vittima, una 90enne, che aveva consegnato ben 1.500 euro. Bottino più basso, 250 euro, ai danni di una ultra 90enne di Ancona e poi la tappa finale a Giulianova, con i due che erano stati scoperti dai carabinieri dopo che la donna bersagliata aveva capito la truffa e avvertito il 112 senza perdere tempo. (LEGGI DELLA DONNA TRUFFATA A SAN GEMINI)