Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Corruzione in tribunale, sospesi per un anno gli avvocati indagati

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Il consiglio di disciplina dell'ordine degli avvocati ha sospeso per un anno per Mauro Bertoldi e Nicoletta Pompei. Giusto l'altro ieri il tribunale del Riesame di Firenze era stata respinta la richiesta di revoca delle misure cautelare per i due legali. “Bertoldi - sta scritto nel dispositivo - insieme alla Pompei per mesi e mesi ha esercitato pressioni sul giudice Sdogati, compagno della Pompei” per ottenere la nomina come delegato alle vendite al tribunale di Spoleto. Come poi effettivamente avvenuto, stando agli accertamenti degli inquirenti. Contestato il concorso in corruzione. L'avvocato Bertoldi e la collega Pompei, anche lei rimasta agli arresti domiciliari dopo il no del Tribunale della Libertà di Firenze, sono anche indagati per traffico di influenze illecite. Il collegio di disciplina ha motivato l'atto di sospensione dalla professione con il discredito arrecato alle toghe dopo l'emissione dell'ordinanza di arresto. I magistrati di Firenze, nel motivare il rigetto della richiesta di revoca delle misure cautelari, hanno anche specificato la pericolosità dell'azione messa in campo sul fronte dei clienti, col rischio che - in base a quanto ricostruito - possano esserci in futuro altri ignari cittadini a finire nella rete.