Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, tagli ai trasporti, la Cna bacchetta l'assessore: "I conti si fanno anche con noi"

Marina Rosati
  • a
  • a
  • a

La razionalizzazione e i tagli annunciati dall'assessore regionale ai trasporti, Enrico Melasecche, per colmare 7 dei 15 milioni di buco di bilancio (8 arriveranno dal recupero dell'Iva), coinvolgono anche le imprese private che gestiscono il 20% delle linee umbre. Su 28 milioni di chilometri, 120 aziende artigiane di trasporto ne coprono, con i loro mezzi, 5,6 milioni. Numeri che pesano sulle scelte che dovrà compiere Melasecche, a cui i privati chiedono di istituire subito un tavolo di confronto per discutere sul futuro del comparto. “Non esiste solo Busitalia, con la quale peraltro abbiamo sempre collaborato ma c'è una miriade di piccole e medie imprese che, lavorando nel settore dei trasporti, contribuisce a garantire il pieno funzionamento del servizio”, spiega Enrico Ceccarelli, presidente regionale della (Fita - federazione italiana trasporti) della Cna. Leggi anche: Umbria, sindacati sul piede di guerra per i tagli alle corse SERVIZIO COMPLETO NEL CORRIERE DELL'UMBRIA DI MERCOLEDI' 22 GENNAIO 2020