Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Torneo Avis, presente anche Marcello Cuttita

Esplora:

Il noto atleta della ovale Azzurra ha premiato i capitani delle formazioni vincitrici delle categorie Under 14 ed Under 16 di rugby

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

È stato il noto atleta della ovale Azzurra, Marcello Cuttita - fratello del coach della mischia della nazionale scozzese, nonché record imbattuto con 35 mete realizzate all'attivo - a premiare, quale ospite d'eccezione, i capitani delle formazioni vincitrici delle categorie Under 14 ed Under 16 del Torneo (Secondo Torneo Avis) consumato domenica 30 marzo, nell'impianto sportivo del Coppiolo di Gubbio. La presenza di Cuttita ha confermato l'alta qualità del pack sportivo e valoriale e dello staff della compagine rossoblu, da sempre attenta alla crescita dell'Associazione ovale e di ciascun atleta. Un impianto, il Coppiolo, animato da oltre 200 persone, tra tesserati, associati, famiglie, simpatizzanti, atleti, che hanno dato origine ad una giornata piena di calore e colore, con musica, tifo, amicizia e tanta sana cultura sportiva, in pieno rispetto dei valori della realtà ovale. Immancabile il momento del terzo tempo, alla fine dei match in campo, offerto dal Terzo Tempo Team della compagine rossoblu, che sempre coccola i giovani atleti, sia in casa che in trasferta con leccornie tipiche. Ospiti le formazioni pari età di Paese (Tv) e di Settimo milanese. I rugbisti veneti ed i Lyons lombardi hanno affrontato in una triangolare amichevole i giovani U14 e U 16 di Gubbio. Molto soddisfatti i presidenti delle tre compagini, Andrea Frondizi (in ingresso, per Gubbio, insieme a Francesco Gagliardi, uscente), Paolo Pavin per Rugby Paese e Gianni Giuliani di Settimo milanese. Presenti anche i presidenti di Avis, Giorgio Meniconi per Gubbio e Rosanna Pestrin per Paese, che hanno consegnato una targa di partecipazione alle tre formazioni presenti. Da circa una decina di anni infatti Gubbio e Paese sono unite non solo dal gemellaggio sportivo ma anche da un gemellaggio fatto da valori di condivisione e solidarietà. Un gemellaggio che oggi ha ritrovato vigore, con Paese, e che ha lanciato il sasso per una viva e sana amicizia e collaborazione anche con la più giovane formazione milanese. Non sono voluti mancare gli Sbandieratori di Gubbio a dare il benvenuto alle delegazioni veneta e lombarda nella città dei Ceri.