Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, la vittoria degli igloo. Chi resta e chi lascia. Parlano gli esercenti

Sabrina Busirivici
  • a
  • a
  • a

Dopo Londra, Bucarest e diverse città italiane, anche Perugia, ora, si contende il titolo di “regina d'inverno”, grazie agli igloo natalizi che, per la maggior parte degli esercenti, hanno avuto un impatto più che positivo, non tanto e non solo sugli incassi, quanto su una rinnovata immagine della città. E dopo il “successo” di dicembre, c'è chi ha deciso di presentare la domanda al Comune di Perugia per l'occupazione di suolo pubblico fino a gennaio, con l'auspicio di prolungare a febbraio; altri, invece, hanno chiuso il dehor. Nel servizio di Gaia Nicchi parlano gli esercenti: pro e contro di un'esperienza comunque dal segno positivo. C'è anche chi propone l'acquisto della struttura per tenerla fissa e ammortizzare così le spese. Per un mese, dal 7 dicembre al 7 gennaio, le strutture sono costate a ciascun ristoratore 4 mila euro + iva. Servizio completo sul Corriere dell'Umbria dell'11 gennaio 2020