Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Entrate tributarie dei Comuni, boom dal 2009

Esplora:

Sono cresciute dell'81%. Indagine della Cna Umbria sui bilanci previsionali di 18 amministrazioni

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Un aumento vertiginoso delle entrate tributarie dei Comuni, che dal 2009 al 2013 sono cresciute dell'81% a fronte di una riduzione dei trasferimenti statali del 38%; una spesa corrente incrementata del 13% e spese per investimenti ridotte del 28%. È questo in sintesi il quadro che emerge dall'indagine commissionata da Cna Umbria al centro studi Sintesi, condotta sui bilanci previsionali di 18 comuni della regione. Il dato più allarmante è proprio quello relativo al prelievo fiscale, impennatosi soprattutto con l'avvento dell'Imu, ma non solo. Nel 2013 il prelievo pro-capite sui cittadini è pesato su tutti, in particolare per gli abitanti di Città della Pieve, il Comune più esoso sui 18 analizzati. A fronte di questa impennata del prelievo fiscale da parte dei comuni, che in termini assoluti equivale a un incremento delle tasse, variamente composto, pari a 168milioni di euro, la ricerca rileva che i trasferimenti da parte dello Stato sono diminuiti complessivamente di 95milioni di euro: in pratica una differenza positiva di 73milioni di euro, che non giustifica imposte così elevate. "Andando nel dettaglio delle imposte, risulta che l'Imu ha pesato per 473 euro su un abitante di Città della Pieve - si legge in una nota - che conserva il primato di Comune più "esigente", mentre i cittadini meno vessati, si fa per dire, sono stati quelli di Narni, che hanno pagato mediamente 160 euro". Sul fronte dell'Irpef le cose non vanno meglio: con l'abolizione del divieto per gli enti locali di aumentare le aliquote delle addizionali, il gettito dei Comuni è aumentato del 35% in due anni, passando dai 39milioni di euro del 2011 ai 53 del 2013, con una quota massima di 109 euro per abitante applicata dal Comune di Perugia e una minima di 54 euro per i cittadini di Fabro, mentre l'unica amministrazione a non aver applicato l'addizionale Irpef è quella di Assisi. “Alla luce dei risultati dell'indagine e in vista delle prossime elezioni amministrative – ha affermato Roberto Giannangeli, direttore di Cna Umbria - presentiamo le nostre proposte in tema di imposizione fiscale locale, che verranno discusse in una serie di incontri su tutto il territorio regionale e presentate ai candidati a sindaco nelle diverse città umbre”. Proposte: Tasi  Differenziare le aliquote applicate ai capannoni industriali e ai laboratori artigianali da quelle previste per le seconde case; applicare ai capannoni industriali e ai laboratori artigianali l'aliquota minima dell'8,6 per mille Tari Distribuire i costi relativi allo smaltimento dei rifiuti al 50% tra utenze domestiche e non domestiche; escludere dalla base imponibile le superfici dei capannoni industriali e dei laboratori artigianali dove si svolgono le lavorazioni e si producono rifiuti speciali, i cui costi vengono sostenuti a parte dalle imprese. Introdurre di premialità per le utenze non domestiche che avviano a recupero rifiuti; eliminare le inefficienze nei servizi di smaltimento. Irpef  Reintrodurre le detrazioni Irpef per le fasce più deboli; applicare le detrazioni a tutte le categorie produttrici di redditi (compresi i lavoratori autonomi). Non compensare le detrazioni Irpef con aumenti delle imposte sui capannoni industriali e i laboratori artigianali.