Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Incidente sulla Flaminia tra Terni e Spoleto, chi è il ferito più grave: un folignate di 68 anni

L'auto su cui viaggiava il folignate

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

E' un uomo di 68 anni di Foligno, le cui iniziali sono F.M., il ferito più grave dell'incidente avvenuto nel pomeriggio di mercoledì 8 gennaio 2020 sulla Flaminia, proprio al confine dei territori comunali di Terni e Spoleto. (LEGGI) (GUARDA IL VIDEO SUL LUOGO DELL'INCIDENTE) Coinvolte tre auto, entrate in collisione tra loro intorno alle 15, all'altezza del chilometro 106,600, fra il bivio per Cecalocco/Battiferro e la frazione spoletina di Molinaccio. Si tratta di una station wagon Audi, una Peugeot 207 ed una Fiat Punto. Secondo la prima ricostruzione, l'Audi - con a bordo tre uomini residenti in provincia di Roma - procedeva in direzione Terni e ha sbandato all'altezza di una semicurva, finendo per invadere la carreggiata opposta. Il primo impatto - lieve, in quanto i due mezzi si sono poco più che sfiorati - è stato con la Punto, condotta da una donna che è rimasta illesa. Molto più violento il secondo, fra la fiancata sinistra della station wagon e la parte frontale della Peugeot. Le ferite più gravi le hanno riportate il conducente di quest'ultimo veicolo - il 68enne di Foligno - e, a bordo dell'Audi, il conducente 50enne ed il passeggero seduto sul lato posteriore sinistro, di 45 anni. Meno serie le lesioni per il secondo passeggero, seduto sul posto anteriore, anche lui di 45 anni. Tutti sono stati trasportati all'ospedale Santa Maria di Terni dal 118 ma i primi tre in codice rosso. Sul posto, oltre ai sanitari, sono intervenuti gli agenti della polizia stradale di Terni, con la dirigente Katia Grenga, i vigili del fuoco di Terni e gli addetti Anas.  (Servizio completo sul Corriere dell'Umbria del 9 gennaio 2020 – COMPRA L'EDIZIONE DIGITALE)