Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, maltrattamenti al nido: la maestra indagata torna al lavoro

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

E' tornata al lavoro il 16 dicembre la maestra finita ai domiciliari e poi rimessa in libertà nell'ambito dell'inchiesta per maltrattamenti su due bambine un asilo nido di Deruta. Il Comune di Deruta, da cui dipende la struttura, ha reintegrato l'insegnante in una funzione diversa da quella educativa. Con una rotazione degli incarichi, è stata collocata negli uffici dell'ente con la stessa categoria professionale, “C3”. “E' stata ruotata ad altro incarico”, spiega il suo avvocato Marco Brambatti. La conferma arriva dal sindaco Michele Toniaccini. “L'atto di reintegro è stato fatto intorno a metà dicembre”, fa sapere il primo cittadino, “e stiamo lavorando per collocare in un posto adeguato l'educatrice. Non all'interno del nido, ma negli uffici scolastici dove possono essere messe a frutto al meglio competenze e esperienze acquisite”. Servizio completo nell'edizione del l'8 gennaio del Corriere dell'Umbria