Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Le acciaierie festeggiano 130 anni: presente anche Grasso: "Tutelare ambiente e sicurezza della salute umana"

Esplora:
foto Stefano Principi

Premiati dal presidente Ennio Rossi e Matteo Matteucci, il lavoratore più anziano e quello più giovane dell'Ast

Antonio Mosca
  • a
  • a
  • a

Con un forte richiamo alla classe politica affinchè rilanci le politiche industriali in Italia, il presidente del Senato, Piero Grasso, ha presenziato lunedì mattina a Terni alla cerimonia per i 130 anni delle acciaierie. Grasso ha poi parlato dell'etica del lavoro, come impegno a promuovere la crescita sociale ciascuno per la propria parte, e dell'esigenza di tutelare ambiente e sicurezza della salute umana. "Non esiste crisi, non esiste profitto, non esiste concorrenza e competizione che – ha detto al riguardo - possa far passare in secondo piano la vita umana, la salute, la formazione continua dei lavoratori di ogni qualifica e di ogni settore produttivo, il controllo sistematico delle misure di sicurezza, la tutela dell'ambiente. Deve essere un impegno di tutti - ha proseguito Grasso - fare in modo che i termini industria, lavoro, ambiente, sicurezza e benessere diventino tra loro sempre più conciliabili". A fare gli onori di casa è stato l'amministratore delegato Marco Pucci che ha ripercorso la storia gloriosa del sito siderurgico di viale Brin, fino al ritorno della Thyssenkrupp. Carico di riferimenti storici, l'intervento del sindaco Leopoldo Di Girolamo che ha sottolineato la connessione profonda tra la città e la sua fabbrica. La presidente della Regione, Catiuscia Marini ha affermato che Terni resterà ancora a lungo la città dell'acciaio e del lavoro operaio mentre il presidente della Provincia, Feliciano Polli, ha parlato di Ast come punto di riferimento per i mercati siderurgici nazionali e internazionali. Al termine della cerimonia si è svolta una visita guidata in alcuni reparti produttivi. Sempre in mattinata il presidente Grasso ha premiato Ennio Rossi e Matteo Matteucci, rispettivamente il lavoratore più anziano e quello più giovane dell'Ast.