Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Nove ex clienti disoccupati riaprono l'Orto del frate

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Il ristorante storico della città è chiuso da più di un anno? Nove ex clienti, disoccupati, creano una società e lo riaprono. E' la sfida dell'Orto dei frati e delle monache, che rinasce sulle ceneri dell'Orto del frate, in via Gallenga. La riapertura è partire da oggi. Dopo diciassette mesi di saracinesche calate. Un segnale in controtendenza di fronte a tante chiusure definitive La nuova Sas affianca al servizio ristorazione anche il bar. Dal mattino sino a tarda notte. Servizio colazione buffet, aperitivi, oltre ai pranzi e alle cene. Estetica e mobili tutti rinnovati, anche se restano i seggiolini tipo stazione dei treni che erano presenti nel vecchio locale. Un angolo vintage all'interno del locale per ricordare i tempi andati. E Innovazione senza cancellare la tradizione. Mario Ramaglioni, 67 anni, l'ex titolare, non fa parte della compagine societaria ma sarà presente come “influencer”, a sottolineare una continuità nel rapporto coi clienti pur nella assoluta discontinuità societaria e gestionale. Il menù del ristorante offrirà i piatti storici come i tortellini alla cubana e le penne alla norcina vecchia ricetta. Più il tiramisù di una volta. Il locale era aperto da 27 anni, prima dello stop forzato del luglio 2018 e ha visto passare tre generazioni di perugini. Oltre ai campioni del Grifo e del volley. Un luogo aperto anche a tarda notte dove molti trovavano da mangiare in orari inusuali. Anche a prezzi contenuti, se è vero che il motto resta che non si può spendere una cifra eccessiva in un momento delicato sotto il profilo economico. Senza mai esagerare con gli alcolici, era il monito dell'ex titolare. Concetti che la nuova gestione intende raccogliere e declinare in senso innovativo con la compagine che oggi si prepara a riattivare il ristobar. Alcuni dei nove soci - sono sei nella fase attuale e poi ne subentreranno tre - hanno già esperienza nel campo della ristorazione. Non tutti, ma compensano con l'entusiasmo. Tra qualche settimana arriverà anche la nuova insegna, in attesa che la pratica burocratica sia espletata. Rinnovato anche lo spazio esterno coi tavoli all'aperto.