Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Insultato dagli spalti, giocatore scaglia la palla in tribuna alla Balotelli

Mario Balotelli

Tommaso Ricci
  • a
  • a
  • a

Un caso Balotelli anche in Umbria. Con un insulto razzista (o presunto tale, poi vedremo), una palla che vola in tribuna ma, in questo caso, anche una cacciaal tifoso autore dell'offesa. E' successo in Settevalli Pila-Virtus Collina, match del girone B di Seconda categoria finito 4-3. Le cose sono andate così. Siamo al 95', sul 4-3, un giocatore di casa si fa male e la palla viene buttata in fallo laterale. Camilloni della Virtus Collina va a battere la rimessa per restituire palla agli avversari ma un compagno di squadra, il camerunense 28enne Yves David Manga Nsyme, gli si fa davanti e gli urla di non farlo, si fa dare palla sui piedi, tenta due o tre dribbling e poi viene puntualmente fermato fallosamente da un giocatore del Pila tra le proteste del pubblico di casa. Uno dagli spalti lo insulta. E al Settevalli Pila ieri è arrivata una multa da 400 euro per insulto razzista di un sostenitore (sanzione ridotta perché i calciatori del Settevalli Pila si sono attivati fattivamente per calmare l'ultrà). “Sono io quel razzista di cui parla il referto - fa Franco Fabbri che è anche il presidente del club biancoverde e che domenica scorsa seguiva la partita dagli spalti -. Peccato solo che tutti possono testimoniare che mai ho proferito un insulto a sfondo razziale. Servizio integrale a cura di Tommaso Ricci nell'edizione del 12 dicembre 2019 del Corriere dell'Umbria