Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Natale, ad Assisi presepe e albero provenienti dalle zone della tempesta Vaia

Marina Rosati
  • a
  • a
  • a

“La casa comune è in rovina, prendiamoci cura di nostra madre terra”. È questo il messaggio che parte dalla piazza inferiore della Basilica di San Francesco d'Assisi durante l'accensione e la benedizione dell'albero di Natale e del presepe provenienti dalle zone colpite nel 2018 dalla tempesta Vaia che distrusse migliaia di ettari di foresta. Il presepe, donato dall'associazione “Io Amo Castellavazzo”, è composto da pastori in legno di abete rosso a grandezza naturale. L'albero di 14 metri offerto dalla “Regola” di Borca di Cadore, è stato addobbato con circa 45 mila luci a led. L'accensione dell'albero ha fatto seguito alla celebrazione eucaristica nella Basilica Inferiore presieduta dal cardinale Cláudio Hummes. Durante l'omelia, il Cardinale, ha affrontato il tema della crisi climatica. Non sono mancati i canti tradizionali natalizi. Durante l'evento si è esibito il coro delle classi I della scuola media Frate Francesco, le classi V della scuola elementare Sant'Antonio e le classi V della scuola elementare di Rivotorto diretti dalla Professoressa Gloria Negroni e accompagnati alla tastiera dal maestro Michele Fumanti. SERVIZIO COMPLETO NEL CORRIERE DELL'UMBRIA DI LUNEDI' 9 DICEMBRE 2019