Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Processo Eventi valentiniani, per Brega il pm chiede 5 anni

Oggi è attesa la sentenza per il presidente del consiglio regionale

Alessandra Borghi
  • a
  • a
  • a

E' attesa per oggi, salvo sorprese, la sentenza di primo grado nei confronti del presidente del consiglio regionale Eros Brega. Ad emetterla sarà il tribunale di Terni in composizione collegiale (presidente Massimo Zanetti, giudici Angelo Matteo Socci e Simona Tordelli) dopo la discussione. Brega è accusato di peculato in ordine alla gestione, da assessore comunale al ramo, dei fondi sugli eventi valentiniani. Il pm Elisabetta Massini chiede 5 anni e 6 mesi di reclusione. I reati contestati sono, più in particolare, peculato e concussione ma per una parte delle imputazioni relative all'accusa di peculato la pubblica accusa ha chiesto l'assoluzione.  Il legale difensore dell'esponente Pd è l'avvocato Manlio Morcella.  E' attesa in serata la sentenza del processo. Pochi minuti fa il suo difensore, l'avvocato Manlio Morcella, ha concluso la sua arringa che ha cercato di smontare tutte le accuse. “Le cifre contestate – ha detto tra l'altro – si riducono al massimo a 12.000 euro in 5 anni e non vi è una sola prova che dimostri che quei soldi siano finiti al mio assistito”. In precedenza il pm Elisabetta Massini aveva chiesto una condanna a 5 anni e mezzo di reclusione.