Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Striscia la notizia, pagamenti fantasma nello spettacolo, le vittime: "Soldi mai visti"

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

La trasmissione tv Striscia la notizia, ha portato alla luce nella puntata del 21 novembre (GUARDA) il caso dei pagamenti fantasma nello spettacolo. Un caso che parte da Perugia con umbri fra le vittime. Uno di questi è Vanny Scarlatti. “La signora mi aveva contattato un paio di anni fa tramite mail - racconta al telefono - per un servizio di animazione per un matrimonio. Aveva detto di aver avuto un contrattempo con un'altra agenzia, per cui aveva dovuto trovare una sostituzione all'ultimo momento. Siamo stati contattati a ridosso dell'evento, per questo io - che di solito mi tengo prudente con chi non conosco e chiedo almeno un acconto - ho fatto un'eccezione e assicurato il servizio senza anticipi. Quando il lunedì ci siamo sentiti, Muriel mi ha assicurato di aver fatto già il bonifico, in realtà quei soldi non mi sono mai arrivati. Ho subito fatto una denuncia ai carabinieri”. Viviana Pasqualoni, di Perugia, è un'altra presunta vittima. Titolare di un'agenzia di eventi, era stata contattata l'anno scorso per il noleggio dei macchinari a una sagra di Spoleto. 800 euro il pagamento pattuito, mai arrivati. “Avevo chiesto il pagamento in anticipo e il bonifico era arrivato - ricorda - peccato che poi è stato revocato. A oggi nessuno mi ha mai pagato. Ho denunciato tutto ai carabinieri di Castel del Piano”. Luca Silver, artista di Como, è stato tra i primissimi a denunciare la presunta truffa. Adesso tiene un po' le fila di tutta la faccenda e fa da raccordo tra le (presunte) vittime, una cinquantina in tutta Italia “ma da quando è andata in onda Striscia, riceviamo un numero impressionante di segnalazioni”. Era il 2016 quando a Luca Silver l'agenzia di Muriel commissionò un servizio per il quale non è stato mai corrisposto il compenso pattuito, intorno ai 500 euro. “La cifra di per sé è minima, c'è gente che ha perso anche tre-4 mila euro. Ma ne faccio una questione di principio”.