Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Congresso Pd, il comitato Marinelli: no a sospetti strumentali

L'organismo si domanda come mai proprio dove vince la proposta del candidato si sollevi l'ipotesi di irregolarità

Alessandra Borghi
  • a
  • a
  • a

Il comitato che sostiene Valerio Marinelli batte un colpo dopo la guerra che si è innescata in casa dei democratici in relazione alla fase congressuale di Umbertide. “Si diradino subito le nubi sul congresso del Pd”, è l'invito, insieme a una “disponibilità piena a chiarire le presunte irregolarità dei congressi”.  “Gli organismi preposti alla verifica delle modalità di svolgimento dei congressi operino nel più breve tempo possibile”, si auspica pertanto. “Tuttavia – aggiunge il comitato - adombrare irregolarità laddove proprio la proposta politica di Marinelli acquisisce un largo successo genera dubbi sulla strumentalità dei sospetti avanzati. Del resto, in altre realtà dove i consensi attribuiti ad altri candidati sono risultati netti, non sono scaturite recriminazioni o rivendicazioni sul rispetto delle regole”. “La serietà dei democratici umbertidesi – conclude il comitato - non può essere messa in discussione da furbizie che alimentano un gioco al massacro dove la prima vittima è il Pd”.