La Procura cita Valentini come teste per Bocci

Gianpiero Bocci

Il caso sanità

La Procura cita Valentini come teste per Bocci

11.10.2019 - 22:45

0

C’è anche l’ex consigliere politico di Catiuscia Marini, Valentino Valentini nella lista di testimoni che la Procura di Perugia vuole portare in aula nell’ambito del processo con rito immediato all’ex segretario del Pd dell’Umbria, Gianpiero Bocci. In tutto, i pm Paolo Abbritti e Mario Formisano, vogliono interrogare 21 persone davanti ai giudici del primo collegio, compresi molti coindagati. In primis, l’ex direttore generale del Santa Maria della Misericordia, Emilio Duca e l’ex direttore amministrativo, Maurizio Valorosi. Assieme a loro, anche il dirigente che per primo ha confessato confermando al gip l’esistenza di un metodo illecito con cui venivano gestiti i concorsi dentro l’ospedale, Roberto Ambrogi e la ex responsabile dell’Ufficio personale dell’azienda ospedaliera, Maria Cristina Conte.
Ma torniamo a Valentino Valentini. Insieme a lui infatti, nel documento depositato dall’accusa, compaiono altre due persone, legate alla vicenda per cui è finita indagata anche la ex governatrice Catiuscia Marini. Si tratta di una delle sue segretarie, Sonia Monaldi e di Marisa Ricotta, la donna che per la Procura ha preso le tracce d’esame da Valentino Valentini e poi le ha fatte arrivare alla candidata cara alla presidente, Anna Cataldi. La ratio della loro testimonianza potrebbe essere quella di dimostrare l’esistenza di “un sistema” in cui, per la Procura, Bocci aveva un ruolo di spicco.
Saranno invece cinque finanzieri, tra cui il tenente colonnello Selvaggio Sarri e il tenente colonnello Alessandro Carrozzo, a raccontare i passaggi tecnici dell’indagine che ha cambiato volto all’Umbria e ha portato alle elezioni anticipate.
Gli altri testimoni che la Procura vorrebbe in aula poi sono candidati raccomandati, i loro parenti (alcuni finiti indagati), emissari che per i pm hanno portato le tracce delle prove a destinazione e anche una concorrente esclusa. Quella “molto brava” ma per cui non c’era posto perché per quel concorso, come per altri, si doveva dare precedenza ai candidati sponsorizzati dai politici finiti nell’inchiesta.
La difesa dell’ex sottosegretario al Minsitero degli Interni - avvocati David Brunelli e Alessandro Diddi - ha tempo fino a lunedì per depositare invece la lista testi, che verrà poi valutata dai giudici. Bocci, che si è fatto interrogare solo una volta dal gip, Valerio D’Andria, potrebbe decidere di sottoporsi ad interrogatorio nel corso del processo. L’ex segretario del Pd dell’Umbria ha sempre respinto tutte le accuse: quelle di aver fatto arrivare tracce a candidate da lui sponsorizzate e quelle di aver cercato di sabotare le indagini. Ma, con la chiusura delle indagini, potrebbe doversi difendere anche dall’accusa di associazione per delinquere che, secondo il Riesame, andrebbe contestata anche ai politici. Recentemente, la quinta sezione penale della Corte di Cassazione ha depositato le motivazioni con cui ha rigettato il suo ricorso. “La lettura dell'ordinanza genetica - hanno scritto i giudici romani - conferma la presenza inequivoca di Gianpiero Bocci dietro le quinte delle indicazioni anticipate ed illecite alle candidate raccomandate del contenuto delle prove concorsuali”

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Renzi alla Leopolda cita Aldo Moro e chiude sulle note di Tommaso Paradiso: "Non avere paura"

Renzi alla Leopolda cita Aldo Moro e chiude sulle note di Tommaso Paradiso: "Non avere paura"

(Agenzia Vista) Firenze, 20 ottobre 2019 Renzi alla Leopolda cita Aldo Moro e chiude sulle note di Tommaso Paradiso: "Non avere paura" Matteo Renzi interviene sul palco della Leopolda 10: "Se vogliamo essere presenti, diceva Aldo Moro, dobbiamo essere per le cose che nascono anche se hanno contorni incerti, e non per le cose che muoiono, anche se vistose e in apparenza utilissime" Fonte: Agenzia ...

 
Di Maio e l'inglese, prova superata

Di Maio e l'inglese, prova superata

(Agenzia Vista) Washington, 20 ottobre 2019 Di Maio e l'inglese, prova superata Il ministro degli Esteri, Luigi di Maio, a Washington interviene in inglese al convegno 'Un futuro comune: Stati Uniti e Italia', organizzato dal Consiglio per le relazioni tra Italia e Stati Uniti / fonte FB. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Sculture a tema, le quattro opere  realizzate

Eurochocolate

Sculture a tema, le quattro opere realizzate

Un grande grifo con un bottone tra gli artigli è la monumentale scultura realizzata da Stefano Chiacchella. Un bottone che diventa rosone nell’opera di Massimo Arzilli o che ...

20.10.2019

Traffico rivoluzionatoper don Matteo

Spoleto

Traffico rivoluzionato
per don Matteo

Ultime due settimane di permanenza a Spoleto per il cast di Don Matteo 12. Le riprese nella città del Festival, che in questi giorni di metà ottobre sta ospitando numerosi ...

19.10.2019

Lorenzo Rinaldi ai "live": il sogno continua

su sky

Il ternano Lorenzo Rinaldi ai "live" di X Factor

Lorenzo Rinaldi, il 19enne ternano in lizza a X Factor, il talent più popolare della tv italiana, su Sky, è tra i 12 finalisti. Il giudice della sua categoria, Malika Ayane, ...

18.10.2019