Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vertice sui Ceri, il sindaco convoca i protagonisti della Festa

Euro Grilli
  • a
  • a
  • a

Le parole del cappellano dei Ceri don Mirko Orsini, domenica sera a conclusione della Festa e della Corsa dei Ceri mezzani dentro la basilica di Sant'Ubaldo, hanno avuto grande eco. L'intervento del religioso, che ha stigmatizzato il fatto che molto è stato detto negli ultimi giorni e anche a sproposito in merito agli incidenti accaduti in basilica la sera del 15 maggio, ha riscosso grandi consensi. Don Mirko ha chiesto l'intercessione di Sant'Ubaldo perché “sani ciò che sanguina” e in questo molti eugubini hanno visto il senso più alto della riconciliazione. La conclusione dei Ceri mezzani, con la chiusura della porta e lo scavijamento del Cero di Sant'Ubaldo ha seguito il copione classico, quello per altro deciso all'unanimità dai ceraioli santubaldari. Al momento dello scavijamemto, domenica sera dentro il chiostro della basilica è volato anche qualche fischio, ma alla fine tutto si è svolto senza alcuna complicazione. Martedì sera, intanto, con inizio alle 18 il sindaco Stirati ha convocato il tavolo istituzionale per parlare di Ceri e, ovviamente, di quanto accaduto nei giorni scorsi. Saranno presenti tra gli altri, il presidente dell'Università dei muratori Fabio Mariani, il cappellano dei Ceri don Mirko Orsini, probabilmente anche il vescovo Mario Ceccobelli, i tre presidenti delle famiglie ceraiole (Ubaldo Minelli per Sant'Ubaldo, Vittorio Fiorucci per San Giorgio, Alfredo Minelli per Sant'Antonio). “Ho indetto la riunione personalmente - ha dichiarato Stirati - perché mi sembra che ci siano tutte le condizioni per riunirci e parlare in maniera seria. Il momento, è evidente, impone di fare una riflessione profonda, seria, di analizzare bene quanto è accaduto, quanto sta accadendo, per parlare tutti insieme e per trovare una strategia che sia condivisa, tenendo conto delle singole specificità”.