Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Canonizzazione di Sant'Ubaldo, folla per le celebrazioni: investitura per il capodieci

Il capodieci di Sant'Ubaldo Andrea Marcheggiani (Photo Studio)

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Solenne celebrazione a Gubbio nella basilica di Sant'Ubaldo per l'823esimo anniversario della canonizzazione di Ubaldo Baldassini, patrono della città. La giornata è iniziata sin dalla mattina di domenica 8 marzo, con il raduno dei ceraioli e dei fedeli in Cattedrale. Il vescovo Ceccobelli ha quindi guidato la processione per gli stradoni del monte Ingino. Alle 11, in basilica, una vera e propria folla ha presenziato alla celebrazione della messa da parte dello stesso Ceccobelli insieme al vescovo emerito Bottaccioli e a don Stefano Bocciolesi. Al termine del rito c'è stata l'investitura di Andrea Marcheggiani, Capodieci del Cero di Sant'Ubaldo del prossimo 15 maggio. GUARDA LE FOTO Il primo capitano Piero "Zanzi" Radicchi e il secondo capitano Francesco Ranghiasci, insieme al Capodieci uscente di Sant'Ubaldo, Luigi Pierucci, gli hanno consegnato lo stemma mentre Marco Tasso, il trombettiere, ha “santificato” la cerimonia con i classici squilli del 15 maggio. Finita la cerimonia è iniziato il momento conviviale e sotto gli Arconi del Palazzo dei Consoli di via Baldassini si è svolto il tradizionale “Pranzo dei Santubaldari” con la partecipazione dei ceraioli e di tutte le autorità.