Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Jessup, eletti i tre capodieci dei Ceri

Benedetta Pierotti
  • a
  • a
  • a

Anche la città americana di Jessup, gemellata con Gubbio, in questi stessi giorni di votazione all'interno delle Famiglie ceraiole eugubine per l'elezione dei tre capodieci, ha rinnovato il consiglio della “Saint Ubaldo society” che, nella cittadina americana, nell'ambito della parallela Festa dei Ceri, rappresenta l'equivalente dell'eugubina “Università dei Muratori”. Sono pronti anche i tre Capodieci che guideranno la corsa dei Ceri a Jessup per il 2015: Matt Evans capodieci per Sant'Ubaldo, Michael Arnoni capodieci di San Giorgio e John Addley capodieci di Sant'Antonio. La “Saint Ubaldo society”, presente dall'inizio degli anni Novanta, formata dai tanti emigranti che nel corso dei secoli scorsi hanno lasciato Gubbio, l'Italia e il “vecchio continente”, nel 2007 ha acquistato a Jessup un'antica chiesa precedentemente dedicata a San Stanislao per restaurarla ed adibirla a Centro culturale, ora santuario dedicato a Sant'Ubaldo e anche museo della “Festa dei Ceri” dov'è conservata una reliquia del vescovo patrono. Il Centro è stato inaugurato nel 2009, in occasione della festa del “Centenario 1909-2009”. Nella cittadina americana la Festa si svolge a fine maggio. Il 13 maggio 2004 si è svolta presso la sala consiliare del Comune di Gubbio, la cerimonia ufficiale che ha sancito il gemellaggio tra le città di Gubbio e di Jessup. La prima Corsa dei Ceri in America si svolse nel 1909, interrotta per qualche anno, è stata ripresa negli ultimi decenni del Novecento, ininterrotta poi fino ad oggi. Ogni anno una delegazione eugubina, capitanata dal presidente dell'associazione Eugubini nel mondo, Mauro Pierotti, si reca Oltreoceano per presenziare alla Festa gemella che rinnova l'amore per il santo vescovo e patrono, Ubaldo, portando ogni volta qualcosa in più (santi nuovi, vestiti, addobbi flokloristici) che arricchisca la festa dei “fratelli”eugubini che vivono nel nuovo mondo e che mai mancano di farsi presenti e testimoniare l'affetto sempre vivo per la comunità eugubina.